Venerus – “Estasi degli angeli”: un concerto liberatorio e prezioso

0
Venerus
Foto di Giacinto Davide Lucarelli

Esattamente a distanza di un anno decido di rivedere un live di Venerus, nella stessa venue a Bergamo. Non ci sono singoli rilasciati dall’artista milanese dopo l’uscita del suo ultimo album a Febbraio 2021 quindi mi aspetto un concerto praticamente uguale a quello già visto, che però mi aveva stregata e che avrei rivisto più che volentieri, perciò eccomi presente anche stavolta.

Eppure appena Venerus sale sul palco capisco che questa sarà un’esperienza diversa e nuova, che scoprirò poi essere ancora più magica della precedente. 

Venerus è uno degli artisti italiani che preferisco e più ammiro in assoluto, il suo album Magica Musica è ancora uno di quelli che ascolto più spesso, dall’inizio alla fine come se fosse un viaggio perchè porta con sé un’atmosfera che mi incanta e sembra vibrare tra le note dei brani, lo senti già ascoltando dal giradischi o dalle cuffie, ma dal vivo è decisamente un’altra cosa. 

Venerus
Foto di Giacinto Davide Lucarelli

Dal vivo crea una connessione ipnotica con il pubblico, ti senti trascinato dalla sua voce e dai pezzi suonati in modo carnale dai lui e dai suoi musicisti incredibili.

Non so come poter descrivere a parole un concerto del genere, non credo sia possibile trovare un modo per raccontare un’esperienza così liberatoria e completa. Per chi è appassionato di musica un live di Venerus è tutto ciò che vorresti sentire, assolutamente impeccabile sia a livello tecnico che a livello emotivo. Rimango sempre affascinata e impressionata da quanto l’arte possa essere magnetica e coinvolgente, e quella di Venerus è un’arte assolutamente travolgente che mi lascia incredula ancora una volta pensando a quanta potenza passione e talento possano generare.  

venerus

Estasi degli angeli è il nome di questo tour a cui sono estremamente felice di aver partecipato, quello di ieri è stato un concerto che più che un live è un’opera d’arte in cui tutto è al suo posto e non manca niente. In setlist i suoi brani più celebri, totalmente riarrangiati rispetto al tour precedente, regalando nuova vita a canzoni che prendono ora sfumature più funky e jazz e stupendo il pubblico con una chiusura rock su Ogni pensiero vola.

Abituati ad una vita frettolosa questo è un concerto che ti costringe a vivere il presente, a stare naturalmente concentrato sul qui e ora, perchè non c’è altro posto dove potresti stare meglio di così. É un rimedio psichedelico per sopravvivere alla frenesia dei nostri giorni.