VIDEO – Highlights Juventus-Udinese 2-1: i bianconeri non brillano ma è Dybala show!

0

Una Juventus non brillante ma umile e cinica non sbaglia e non spreca l’occasione di allungare sul Napoli e va a +5 sulla Roma, vittoriosa sui partenopei nel big match dell’ottava giornata. Grande protagonista della serata è Paulo Dybala, autore di una doppietta e di grandi giocate che hanno mandato in visibilio i tifosi. L’Udinese esce dalla gara a testa alta, consapevole di aver dato filo da torcere alla squadra più forte del campionato. I bianconeri arrivano alla partita contro l’Udinese con assenze pesanti quali Chiellini e Pjanic ma ritrova in panchina Claudio Marchisio, applaudito dai tifosi, così come Bonucci a cui sono stati dedicati cori d’affetto rivolti al figlio Matteo. Allegri parte con un 4-4-2

non usuale, con Dybala e Mandzukic in attacco ed Higuain in panchina, Lemina ed Hernanes tra i tre di centrocampo, Benatia a sostituire Bonucci. Prima volta sulla panchina dei friulani per Luigi Delneri, ex juventino (ha guidato la squadra torinese nella stagione 2010-2011) che schiera un 4-3-1-2 a rombo con Zapata e Thereau a cercare di impensierire la retroguardia della Juventus.

Primo tempo privo di sussulti nei primi 25 minuti di gioco, il solo Dybala cerca di inventare qualcosa di pericoloso ed ogni pallone toccato dall’argentino dà l’impressione di poter sfociare in un’azione importante. Al 26′ è proprio l’ex Palermo a fabbricare l’occasione che arriva sui piedi di Mandzukic, il quale però solo davanti al portiere Karnezis fallisce sparando alto. L’Udinese non si fa spaventare e muove bene il pallone tra i 3 di centrocampo schierati da Del Neri che sfruttano bene il lavoro di collante di De Paul tra centrocampo ed attacco. Ed è proprio un centrocampista a portare in vantaggio gli ospiti al 30′: Jakub Jankto approfitta di un’indecisione di Evra e soprattutto Hernanes in ripartenza e fa partire un destro su cui Buffon si fa cogliere impreparato. Il pareggio della Juventus arriva al 43′ con un Dybala in serata top che pennella un calcio di punizione magistrale che si insacca alla sinistra di Karnezis. Il secondo tempo si apre sempre con l’argentino mattatore ed autore di una discesa strabiliante che mette a repentaglio tutta la difesa dei friulani, concludendo con un debole tiro centrale tra le mani del portiere dell’Udinese. Al 51′ De Paul compie un’ingenuità sgambettando Alex Sandro in una posizione non pericolosa, Gavillucci non ha dubbi: è calcio di rigore. Sul dischetto va Paulo Dybala che spiazza Karnezis segnando il terzo gol nelle ultime due partite. Al 61′ colossale occasione per Alex Sandro su un cross perfetto di Lichsteiner ma il brasiliano non trova la porta di testa. La Juventus sembra gestire bene la partita ma al 83′ l’Udinese ha la possibilità di pareggiare con un colpo di testa ravvicinato di Felipe ma Buffon gli dice di no e respinge sull’angolino basso deviando in corner. La squadra di Allegri assume un atteggiamento umile chiudendosi in difesa e ripartendo in contropiede per raggiungere una vittoria che, al termine dei 3 minuti di recupero, vale oro.

JUVENTUS (4-4-2): Buffon; Lichtsteiner, Benatia (dal 25′ s.t. Bonucci), Barzagli, Evra; Cuadrado, Lemina, Hernanes, Alex Sandro; Dybala (dal 36′ s.t. Sturaro), Mandzukic (dal 21′ s.t. Higuain). (Neto, Audero, Pjanic, Khedira, Marchisio, Mattiello, Kean). All. Allegri.

UDINESE (4-3-1-2): Karnezis; Wague, Danilo, Felipe, Samir (dal 1′ s.t. Ali Adnan); Fofana, Kums, Jankto (dal 30′ s.t. Heurtaux); De Paul (dal 10′ s.t. Perica), Zapata, Thereau. (Scuffet, Perisan, Angella, Armero, Penaranda, Matos, Lucas Evangelista, Balic). All. Delneri.

https://www.youtube.com/watch?v=Wa-1dRbE0bg