Clausola maledetta! Il Barça pronto a versare i 111 milioni per Lautaro

0
Lautaro Martinez
Lautaro Martinez, giocatore dell'Inter impegnato in Copa America con la albiceleste argentina. Foto Wikimedia Commons

Non si poteva immaginare che dopo meno di 16 mesi quella clausola da 111 milioni di euro potesse essere una stima al forte ribasso di un talento come quello di Lautaro Martinez. La sua stagione agli ordini di mister Conte lo sta esaltando domenica dopo domenica e il suo valore adesso è molto ben lontano dai venticinque milioni versati due estati fa al Racing Club per portarlo in Europa.

Lautaro Martinez e le sue performance, al di là di ogni retorica, sono il frutto del suo talento ma anche di una sua gestione oculata e capace di esaltarne le caratteristiche. Conte lo ha liberato da ogni timore e ne ha fatto il partner ideale di uno spacca-difese come Romelu Lukaku. E lui, l’argentino, pare apprezzare così tanto da averlo ripagato già con undici realizzazioni in 18 gare.

Guardandosi in giro sono davvero in pochi i giovani che in Europa segnano e convincono come il talentino di Bahia Blanca. Ecco perchè adesso quella clausola monstre da 111 milioni di euro non sembra più così minacciosa agli occhi della grandi corazzate continentali.

Nemmeno il tempo di segnare al volo contro la Slavia Praga che i telefoni nella sede nerazzurra di Viale della Liberazione sono diventati roventi. Dall’altra parte una pletora di ammiratori pronti a fare follie per Lautaro. Tutte capeggiate dal club con più appeal a livello mondiale, quel Barça che accoglierebbe il ragazzo nello spogliatoio più iconico di sempre.

Il primo ad elogiare il bomber nerazzurro è stato il connazionale Lionel Messi. La “Pulce” ha da tempo dato il suo placet al trasferimento in blaugrana. A lui, ben presto si è unito un coro di sì capeggiato dal “PistoleroSuarez e altri senatori dei catalani. Si mormora che Bartomeu sia pronto a dare l’assalto alla punta già a gennaio anche se, in tutta onestà, pare inverosimile che l’Inter lo possa cedere a stagione in corso. Se separazione sarà, allora è molto probabile che si faccia a luglio. Marotta è avvertito. Le strade da intraprendere sono solo due: rinnovare il contratto eliminando la clausola oppure decidere di perderlo per 111 milioni.