Contagi a livello globale, oltre 421.000 decessi e 7,5 milioni di positivi

0
COVID nel mondo, Oltre 700 mila morti in Europa, La terza ondata, Coprifuoco anticipato, Scenario 4, Aumento dei ricoveri, 8 eruzioni cutanee, Franco Bonaguro, Report settimanale del Ministero della Salute, Agostino Miozzo, Forte numero asintomatici, La preoccupazione del CTS, Contagi in Campania, Ascierto ribadisce l'invito, Paolo Ascierto contrariato, Virus mai andato via, Immunità COVID, intervista del consigliere Ricciardi, Seconda ondata in arrivo, Emozione al Cotugno, Possibile seconda ondata in autunno, Margarita Del Val, Rialzamento della curva dei contagiContagi a livello globale
Virus, Fonte Pixabay, Autore Mattthewafflecat

Brutte notizie dal fronte mondiale. Sembrerebbe infatti che dai vari dati raccolti i contagi a livello globale si stiano elevando eccessivamente. Ovviamente di conseguenza anche i decessi.

I NUMERI PROVENIENTI DALLA JOHNS HOPKINS UNIVERSITY – Dopo un’inchiesta svolta dalla famosa università americana Johns Hopkins, i numeri ottenuti non sono per niente incoraggianti. In effetti i dati della scuola di medicina, con sede a Baltimora negli Stati Uniti, indicano un lento ma progressivo rialzamento della curva.

Oltre 7,5 milioni di positivi in tutto il mondo, 7.514.481 per essere precisi. Dal canto dei decessi invece ben 421.458. Tra tutti i paesi, quelli più colpiti rimangono gli States. Questi ultimi infatti “vantano” 2.023.347 casi di infezione e 113.820 morti.

Nonostante quindi ci siano paesi e regioni ben specifiche dove la curva continua a scendere o è semplicemente quasi nulla, i contagi a livello globale al contrario non sono rassicuranti. Questo soprattutto in vista di potenziali viaggi, turistici o meno, che rischiano di causare il ritorno dell’incubo, il quale ormai sembrava in via di conclusione.

FUTURO INCERTO? – Lunghi mesi di quarantena forzata per gran parte dei cittadini mondiali. La speranza che diminuiva parallelamente all’ansia e la paura che non smettevano di aumentare. Quello che inizialmente si poteva apparentare a piccole vacanze a casa si è trasformato lentamente in un incarceramento. La nostra casa è diventata la nostra prigione. Poi la speranza è tornata, prima con la fase 1, 2 ed infine 3. Finalmente uscire liberamente non era più vietato. Ma probabilmente presi dall’euforia, molti non hanno seguito le precauzioni necessarie, di cui siamo perfettamente a conoscenza. Mascherina, guanti, distanziamento sociale e divieto assoluto di creare assembramenti. Il futuro è quindi incerto, potrebbe peggiorare come invece no. L’unica certezza è che se ne siamo usciti più o meno indenni una volta possiamo farlo nuovamente. Se tutti insieme rispettiamo le regole la situazione non potrà che migliorare.