Coronavirus, 9 giocatori del Sion licenziati per il rifiuto di tagliarsi lo stipendio

Il Sion ha deciso di mandar via i tesserati che si sono opposti al taglio dello stipendio

0
FC Sion, fonte Par Inconnu — http://logo-share.blogspot.de/2015/07/fc-sion-logo.html, Domaine public, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=47757611
FC Sion, fonte Par Inconnu — http://logo-share.blogspot.de/2015/07/fc-sion-logo.html, Domaine public, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=47757611

La crisi sanitaria in atto sta mettendo a dura prova anche il calcio. Federazioni e società stanno riscontrando importanti problemi economici e hanno chiesto ai governi misure economiche che possano dare una mano ai bilanci.

TAGLIO STIPENDI – Le varie leghe stanno lavorando per trovare una soluzione e in ballo ci sarebbe anche il taglio degli stipendi dei calciatori, voce che più pesa sulle casse dei club. In Italia è più di una semplice ipotesi, come confermato dal presidente della FIGC Gravina ai microfoni di Radio 24:

“È un momento di riflessione e stiamo predisponendo una serie di richieste al governo che con il decreto legge Cura Italia ha già riconosciuto lo stato di crisi dello sport e la Federazione come unico interlocutore del Governo stesso. Ma abbiamo bisogno di un riconoscimento ulteriore dell’esistenza di una causa di forza maggiore che ci permetta di rinegoziare al nostro interno alcuni contratti e creare un sistema di mutualità, perché dobbiamo dare anche un segnale e capacità di autosostentamento e solidarietà interna prima di rivolgersi all’esterno.

Tagliare gli ingaggi? In questo momento di emergenza non è un tabù. Credo che ci dobbiamo mettere tutti attorno a un tavolo. La crisi e l’emergenza valgono per tutti e anche il nostro mondo deve avere la capacità di essere unito. Siamo chiamati a un gesto di grande responsabilità dando contenuto a quel contenitore chiamato solidarietà”.

LICENZIAMENTI – Nel frattempo in Europa c’è chi dalle parole è passato ai fatti. Stiamo parlando del Sion, club svizzero che ha deciso di licenziare 9 giocatori che si sono opposti al taglio dello stipendio: si tratta dell’ex Roma Doumbia, dell’ex Palermo Kasami, di Djorou, ex Arsenal, e Alex Song, ex Barcellona, poi Ermir LenjaniXavier Kouassi, Mickael Facchinetti, Christian Zock e Birama Ndoye.