Coronavirus, Campania in arancione dal 6 aprile e scattano i divieti per Pasqua e Pasquetta

La Campania si prepara ad allentare le restrizioni dopo le vacanze pasquali. Domani il monitoraggio dati della Cabina di regia

0
Fonte: Wikipedia Commons. Licenza creative commons contrassegnata per essere riutilizzata.

La regione Campania si prepara a cambiare colore dopo Pasqua. Sarà, infatti, l’unica dopo le vacanze pasquali grazie ad un miglioramento della situazione contagi. Ormai i dati sono da zona arancione per la seconda settimana consecutiva ed è quindi quasi certo che uscirà dalla zona rossa.

CAMPANIA: DA ZONA ROSSA AD ARANCIONE – I dati verranno, come sempre, analizzati domani 2 aprile dalla Cabina di regia. Ovviamente, causa vacanze di Pasqua, se ne parlerà il 6 aprile per il passaggio. Attualmente non ci sono motivi per evitare uno spostamento da rosso ad arancione ma comunque l’ultima parola spetta alla Cabina di regia e ai vari tecnici.

Al momento le regioni con più di 250 casi per 100 mila abitanti restano Valle d’Aosta, Piemonte, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Lombardia e Toscana. Queste regioni dovranno attendere almeno altre due settimane prima di poter cambiare colore. Il 13 aprile, invece, potrebbero tornare in arancione Veneto e Provincia di Trento.

NUOVO DECRETO DEL 7 APRILE – Nella giornata di ieri è stato approvato un nuovo decreto con delle restrizioni in vigore dal 7 al al 30 aprile. Nessuna regione potrà essere gialla, quindi si applicheranno le norme per le zone arancioni e rosse. Nella zona arancione è possibile far visita una volta al giorno ad un amico o un parente e le scuole saranno in presenza almeno fino alla terza media. In zona rossa, invece, scuole chiuse dalla seconda media.

LE RESTRIZIONI PER LE VACANZE DI PASQUA – Per il 3, 4 e 5 aprile, la Campania vieta ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio regionale nonché all’interno del territorio regionale. Per le visite a parenti o amici, è consentito farlo una volta al giorno, in un arco temporale compreso tra le 5 e le 22, nei limiti di due persone eventualmente conviventi.