Coronavirus, conferenza stampa Conte: “Ripartire ma con prudenza”. Ecco i punti del decreto

Giuseppe Conte torna a parlare agli italiani in vista delle riaperture del 18 maggio.

0
Nuovo Dpcm firmato, 11 gennaio, Sanzioni, Prossimo Dcpm anticipato, Nuovo DCPM ufficiale, appello di Conte
Giuseppe Conte, Fonte Wikipedia

Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri, è tornato in conferenza stampa per aggiornare gli italiani sulla questione Coronavirus e dare le ultime direttive sulle misure anti-Covid che si adotteranno dal 18 maggio, in vista della riapertura di diverse attività. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato il cosiddetto decreto riaperture che prevede l’obbligo di mascherine e di appuntamenti per estetiste e parrucchieri.

LE PAROLE DI GIUSEPPE CONTE“Ieri abbiamo approvato il decreto legge sulla Fase 2 e ultimate le nuove norme. Bisogna ricominciare con prudenza ma con fiducia. Non possiamo aspettare il vaccino ma i nostri principi e valori come la salute non cambieranno” ha esordito il premier Conte. “La curva potrà risalire ma con prudenza dobbiamo ricominciare. Stiamo anche sperimentando l’app Immuni per prevenire i contagi” ha continuato.

I CONTENUTI DEL DECRETO – Da lunedì ci si potrà spostare senza limitazioni nella propria regione di appartenenza, senza autocertificazione: sì agli incontri con gli amici, sì a passeggiate o negozi, il tutto con prudenza e rispettando il distanziamento sociale. Il divieto rimarrà per coloro positivi al Coronavirus. No agli assembramenti, rispettare il distanziamento sociale, portare sempre la mascherina soprattutto in luoghi chiusi o se si crea affollamento in spazi aperti.

Gli spostamenti da una regione all’altra e anche all’interno dell’Unione europea ripartiranno dal 3 giugno, si valuteranno i dati qualche giorno prima. Questo per far ripartire soprattutto il settore del turismo.

Per le attività: sì a negozi di vendita al dettaglio, servizi cura della persona, ristoranti, bar, pizzerie, pub ma solo se rispettano le norme imposte dal Governo e solo se lo permette la Regione. Ripartono gli allenamenti degli sport di squadra come il calcio e i musei. Dal 25 maggio riapriranno palestre, piscine e centri sportivi e dal 15 giugno teatri e cinema.