Coronavirus e area Schengen: l’Europa chiude le frontiere esterne per salvare quelle interne

0
Foto dell'Unione Europea
Foto dell'Unione Europea

I capi di stato e di governo dei ventisette Paesi membri dell’Unione europea hanno deciso di sigillare i confini esterni: per 30 giorni, al fine di evitare nuovi contagi da coronavirus,  i cittadini extra-europei non potranno varcare le frontiere. Come evidenziato dalla Commissione e dal Consiglio, la proposta deve esser adottata dagli stati membri.

CHIUDERE LE FRONTIERE ESTERNE PER RIAPRIRE LE INTERNE – Il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha dichiarato: “al fine di evitare la diffusione globale del coronavirus, abbiamo deciso di rafforzare le nostre frontiere esterne, applicando restrizioni temporanee per viaggi non essenziali nel territorio dell’Unione per un periodo di trenta giorni, come proposto dalla Commissione europea“. La presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen sottolinea che bloccare le frontiere esterne è il prezzo da pagare per riaprire quelle interne tra i vari Stati membri:“un’altra grande questione è quella delle frontiere interne, e delle loro chiusure. Dobbiamo assolutamente sbloccare la situazione. Ci sono troppi cittadini europei residenti in paesi di cui non sono originari all’interno dell’unione europea. E poi i blocchi provocano lunghe code di camion con merci essenziali che devono viaggiare celermente, per far funzionare il mercato interno”.

AREA SCHENGEN – La sospensione di Schengen, l’accordo di libera circolazione delle persone all’interno dei Paesi firmatari e una delle massime espressioni del processo di unificazione europea, non è dunque accettabile per la Commissione. La serrata era stata confermata nella giornata di ieri dal presidente francese Emmanuel Macron nel suo discorso alla Nazione.

ECCEZIONI – L’Europa si isola, dunque, dal resto del mondo. Per almeno un mese non si potrà entrare nel nostro continente né uscire dall’area Schengen. Gli unici Paesi non membri dell’Unione a essere esclusi dalla chiusura delle frontiere esterne sono: Svizzera, Regno Unito, Lichtenstein e Norvegia.