Europa League: Serata favorevole a tutte le italiane, che vincono e convincono

0
Europa League
Europa League, foto di youtube.com

Dopo i passi falsi sul palcoscenico più importante, quello della Champions League, da parte di Napoli e Juve, ed il mezzo passo falso della Roma, le altre italiane era chiamate a riscattarsi in Europa League.

La sfida più proibitiva sembrava essere quella dell‘Atalanta in campo contro il ben corazzato Everton.
La Lazio era ospite del Vitesse, in una sfida ostica ma alla portata della squadra romana.
Ed infine il Milan, chiamato a un pronto riscatto dopo la figuraccia in campionato contro la Lazio.

 

Milan forza cinque in casa dell’Austria Vienna

Tutto facile per la squadra di Montella, che ha la meglio sull‘Austria Vienna.
Il Milan si riscatta prontamente dalla figuraccia rimediata in campionato e lo fa alla grande.
Mattattore del match è Andre Silva, che con una tripletta si aggiudica il pallone della gara.
Kalinic non segna ma fa segnare i suoi compagni, e  Callhanoglu che dispensa assist per le marcature di Andre Silva e che si gode la gioia del suo primo gol in gare ufficiali con i rossoneri.
Di Suso, entrato da pochi minuti, l’ultimo gol della cinquina.
Di Borkovic il gol della bandiera dell’Austria Vienna.

L’Atalanta annulla l’Everton

Quella che doveva essere la vittima sacrificale è diventata carnefice.
L’Atalanta dimostra che nel calcio nulla è scontato, con una grande vittoria sulla squadra di  Rooney.
L’Atalanta domina e diverte, e segna al 27‘ con Masiello, che annullerà Rooney fino alla sua sostituzione.
Del Papù Gomez e Cristante i gol, rispettivamente al 41‘ e al 44‘, che decretano la fine dei giochi già nel primo tempo.
Nel secondo tempo non succede null’altro, quindi l’Atalanta porta a casa un risultato frutto di organizzazione e bel gioco.
L’Everton ha sottovalutato la sfida con gli azzurri, e ne ha pagato le conseguenze.

Rimonta perfetta per la Lazio

La Lazio era chiamata ad un impegno, ostico ma alla portata in casa del Vitesse.
Come accade anche alla squadra romana, prima dell’inizio della partita un’aquila se innalzata in cielo.
La situazione non si mette bene per la Lazio B, scesa in campo con molte riserve.
Il Vitesse infatti con i suoi velocisti crea non pochi problemi alla difesa laziale, con un Rashica in splendida forma.
A passare in vantaggio sono gli olandesi con un gol di Matavz al 33‘.
Si torna in campo e la Lazio, complice l’ingresso di Immobile, trova nuova linfa e segna con Parolo.
Linssen riporta in vantaggio gli olandesi, vantaggio che dura poco grazie al gol di Immobile al 67‘.
Di Murgia all’75‘ il gol che completa la rimonta e porta i primi 3 punti alla squadra romana.