Germania: confessa l’omicidio di due bambini richiedenti asilo

0
Scena tratta dal video del rapimento di Elias

Toglie la vita a due bambini richiedenti asilo e poi confessa. E’ successo in Germania: un uomo di 32 anni ha ammesso di aver ucciso Mohamed, il bambino bosniaco di soli 4 anni richiedente asilo e di Elias, un ragazzino di sei anni . Mohamed era scomparso all’incirca un mese fa davanti a Lageso, il principale centro di richiedenti asilo di Berlino. Elias, invece, era scomparso l’8 Luglio a Potsdam. Nonostante il video che ritraeva il volto dell’uomo, fino al momento della confessione la polizia non aveva nessun colpevole. In realtà, l’uomo non ha confessato volontariamente, ma è stata la mamma a chiamare la polizia. La donna ha raccontato agli agenti che suo figlio le aveva confessato dell’uccisione di Mohamed. Una volta in questura, l’omicida ha confessato anche di aver ucciso Elias. Il corpo di Mohamed è stato ritrovato  giovedì nel cofano della macchina dell’uomo. Il piccolo Mohamed era all’interno di un baule nascosto da una lettiera per gatti. Elias, invece, era stato sepolto in giardino. La polizia sta studiando altri casi di ragazzini scomparsi per capire se l’uomo possa essere coinvolto. Un altro caso che non solo fa riflettere sulle condizioni critiche in cui si trovano i migranti, ma soprattutto sull’animo umano.