sabato, Maggio 25, 2024
HomeSpettacoloGossipGiampiero Mughini attacca Sara Croce: ''Ce l'ha scritto in faccia che devi...

Giampiero Mughini attacca Sara Croce: ”Ce l’ha scritto in faccia che devi pagarla”

Da qualche giorno, Sara Croce, Bonas di Avanti Un Altro, è tornato al centro del mirino del Gossip. Stavolta, però, non è a causa di Andrea Damante con cui ha avuto, qualche tempo fa, un flirt. Sarebbe avvenuto infatti uno scandalo da un milione di euro.

La questione risale a Lunedì quando AdnKronos avrebbe svelato che Hormoz Vasfi, un magnate del petrolio, avrebbe fatto causa a Sara Croce per un milione di euro. La motivazione sarebbe quella di aver “allacciato una relazione al solo fine di trarne un profitto economico per sé e per la sua famiglia, raggirando le buone intenzioni di un ricchissimo e noto uomo d’affari”.

La ragazza, ex Madre Natura di Ciao Darwin e Bonas di Avanti Un Altro, è stata duramente attaccata e apostrofata da Giampiero Mughini, il quale ha scritto per Dagospia. Le sue parole sono state: “La contesa legale tra la pin up italiana e l’aureo tracagnotto iraniano che vorrebbe indietro le centinaia di migliaia di euro che gli sono costati ogni volta i pompi*i e altri giochi fatti con la splendida fanciulla, sto assolutamente dalla parte della ragazza”.

E ancora: ”Oltretutto la fanciulla ce l’ha scritto in faccia che con lei devi pagare anche solo a dirle ‘buongiorno‘. C’era un baratto tra loro due, un baratto antico come il mondo. Un magnifico corpo femminile contro dei dindini sonanti a comprare e regalare di tutto, salvo dei libri”.

Per quanto riguarda la battaglia legale, invece, si è schierato dalla parte di Sara Croce: “A quel baratto il tracagnotto ci stava eccome. Come facesse a spendere quelle cifre per una cena con fanciulla e relativa madre non so, ma evidentemente gli andava bene. Nel senso che quel che accadeva dopo ne valeva la pena, e a meno che la fanciulla non dicesse “Mi fa male la testa, stasera non ne ho voglia”. Questo sì un argomento grave, da opporre in sede legale. Solo che di questo argomento in tribunale non c’è traccia. Né c’è traccia che la fanciulla si rifiutasse di ingoiare a fattaccio bell’e concluso”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME