giovedì, Giugno 13, 2024
HomeAttualitàGioco online: dall’IGaming al gambling, dagli eSports ai giochi olimpici

Gioco online: dall’IGaming al gambling, dagli eSports ai giochi olimpici

Per quel che riguarda l’offerta dedicata ai giochi di casinò online, durante gli ultimi tre anni si registrano nuovi dati che mostrano quali attrattive hanno intercettato maggiormente i favori degli utenti attivi. Non è una sorpresa ma più che altro una conferma quella che riguarda l’attrattiva della roulette online, un vero e proprio classico intramontabile per le sale da gioco un tempo del circuito fisico e oggi presente anche per quel che concerne il settore virtuale del gioco digitale. L’online roulette viene regolamentata e determinata da un software, il quale replica simulando il gioco di tipo tradizionale, ragion per cui quando si gioca a questa attrattiva bisogna seguire lo stesso tipo di regole e di strategia.

Il gioco della roulette sotto il profilo della strategia

Nonostante vi sia tutta una letteratura un po’ fuorviante e inesatta, questo antico gioco non è basato esclusivamente sul caso e sulla fortuna del giocatore, visto che ci sono diversi stili di gioco e di strategia che bisognerebbe adottare per ridurre il gap e lo svantaggio nei confronti del banco e del dealer. Si tratta di regole che possono essere facilmente accorpato a quelle di ogni altro gioco dove l’abilità e le skills possono fare la differenza. Il gioco online oggi è sempre più praticato, visto che dal poker online, passando per altri giochi di carte di abilità come il baccarat e il blackjack online, stanno ottenendo sempre più consenso e seguito. Vi sono poi giochi di altre categorie dove sono necessarie abilità di tipo differente, come ad esempio il fenomeno crescente degli eSports. Gli eSports sono quei giochi elettronici a metà strada tra un videogame e uno sport vero e proprio di natura agonistica. Si sta discutendo molto per il fatto che presto verranno accorpati e aggiunti alle discipline olimpiche dei prossimi giochi, elemento che ha creato un po’ di polemica su cosa si possa considerare un vero e proprio sport e cosa invece no.

L’era degli sport elettronici è giunta

Nonostante l’hype scatenato da questa discussione, gli eSports sono sbarcati con un certo successo in Europa, mentre in Nord America e specialmente in Asia sono già una realtà piuttosto consolidata, come si può vedere seguendo eventi internazionali come i recenti Amazon University eSports.

 Il segno evidente del successo nazionale per gli sport elettronici è dato dallo spazio che stanno avendo su portali di informazioni sportiva come la Gazzetta dello sport e il Corriere dello sport. Bisogna capire che gli esport sono giochi elettronici organizzati a livello competitivo e professionistico. Questo vuol dire che durante un torneo vero e proprio ci saranno criteri di valutazione oggettiva, compresi arbitri, commentatori e altre categorie specializzate per dare il giusto valore e merito alla competizione.

Le diverse categorie principali degli eSport

Abitualmente durante questi eventi, che si svolgono ormai da qualche anno, troviamo i generi più in voga, come gli RTS, i FPS, gli MMO e i MOBA. Queste sigle stanno a significare rispettivamente giochi strategici in tempo reale, picchiaduro, sparatutto in prima persona, Massively Multiplayer online, e infine ultimo ma non meno importante, i multiplayer online battle arena. Proprio i MOBA sono i giochi di categoria esport più amati in Giappone in generale in Cina, Corea e altri paesi asiatici. Non è un caso se la serie anime di light novel, Sword Art Online, creata nel 2009 dall’autore Reki Kawahara, si ispiri proprio al genere dei MOBA.

Alcuni riferimenti di cultura popolare in tema di esports

Parliamo naturalmente di una serie fantascientifica dove le realtà virtuali di MMORPG sono state esasperate e rese legali, nella vita reale, un po’ come si può leggere e vedere nella saga di Ready Player One, la pellicola di culto di Steven Spielberg, ispirata al best seller omonimo di Ernest Cline. Gli esports però, pur traendo ispirazione dal mondo della narrativa cyberpunk inaugurata da Bruce Sterling e soprattutto da William Gibson con il romanzo Neuromante, sono giochi elettronici competitivi dove le possibilità di avere problemi fisici o psicologici, sono dettati solo dal loro intenso ed eccessivo utilizzo di tipo pratico.

Conclusioni sugli esports

Resta il fatto che oggi lo svago, il divertimento e per forza di cose anche lo sport, stia vivendo una fase di transizione dove la tecnologia digitale assume un ruolo centrale, se non determinante. Del resto anche gli sport di tipo tradizionale oggi si avvalgono delle innovazioni tecnologiche, si pensi ad esempio al mondo del calcio professionistico, il quale ha ormai adottato la goal light technology, così come la sala VAR che in tempo reale analizza le azioni e comunica in caso di errore con l’arbitro. Una nuova frontiera cognitiva, evolutiva e sportiva che stiamo vivendo come tema di attualità a livello competitivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME