Inter, buone notizie per la ripresa e un dubbio: chi guiderà le operazioni a centrocampo?

0
Christian Eriksen, Foto Wikipedia
Christian Eriksen, Foto Wikipedia

Momento per tirare le somme quello che si appresta ad affrontare mister Antonio Conte dopo ben tre mesi di stop forzato al campionato. Quando successe il fattaccio l’Inter ne giovò non poco considerato il momento di leggero appannamento dei suoi. Ma adesso la corsa allo scudetto riprendere con nuovo slancio e tanta energia positiva in più visti anche i riscontri sanitari sui muscoli dei nerazzurri.

Difesa al completo o quasi. Bastoni e De Vrij hanno superato brillantemente le noie muscolari degli ultimi giorni e prenderanno posto vicino al’inossidabile Skriniar per le prossime gare in calendario. Out il solo Godin che però potrà ritrovare il campo d’allenamento nella prossima settimana. Per l’importante incontro di Coppa Italia contro il Napoli, dunque, a protezione della porta difesa da Handanovic sarà schierata la difesa titolare.

Nessun problema neppure in attacco. Nonostante le voci che si rincorrono ormai da febbraio circa la possibile partenza di Lautaro Martinez con destinazione Barcellona, toccherà ancora all’argentino e a Romelu Lukaku tenere alta la guarda dei difensori partenopei. Quasi impossibile vedere calcare il terreno di gioco da parte di Alexis Sanchez se non per qualche sostituzione nella ripresa.

Tuttavia è a centrocampo che i dilemmi si fanno più sofferti, non per via di infortuni o indisponibilità dell’ultimo minuto ma per un ballottaggio che da mesi vige in casa Inter. Conte dovrà velocemente sciogliere ogni riserva su chi, tra Eriksen e Sensi, dovrà guidare le operazioni in mediana.

Un leit motiv che va avanti fin dall’approdo dell’ex Tottenham a Milano. Per legittimità di ruolo dovrebbe toccare all’italiano il compito di affiancare Brozovic e Vecino nella mediana nerazzurra. Eppure il trequartista danese potrebbe, grazie allo stop e agli insegnamenti di Conte in questi mesi, aver digerito meglio il ruolo che gli si richiederà da qui fino al termine della sua avventura meneghina. Ci apprestiamo ad assistere a questo duello in seno allo spogliatoio almeno fino alla fine di questa disastrata stagione.