Inter, Conte fa turnover: contro il Ludogorets spazio a chi ha giocato meno

0
Antonio Conte, allenatore dell'Inter
Antonio Conte, allenatore dell'Inter

Dopo lo stop al campionato per l’emergenza coronavirus in Lombardia e prima di affrontare la Juventus domenica prossima, l’Inter di Conte si prepara a ricevere a San Siro i bulgari del Ludogorets. La gara di andata si è conclusa con un rassicurante 0-2, motivo per il quale i nerazzurri stasera potranno dare spazio a chi, in stagione, ha avuto meno chance di scendere in campo.

Conte vara una difesa inedita contro i modesti bulgari del Ludogorets

Antonio Conte non stravolgerà la sua formazione ma di sicuro opererà alcuni cambi per amministrare il risultato e non affaticare troppo chi ha sempre giocato finora. I meneghini dovranno, comunque, fare a meno dei lungodegenti: Handanovic, Sensi e Gagliardini e di Lautaro Martinez assente per squalifica.

Il reparto che più di tutti osserverà il maggior numero di cambi sarà quello difensivo. Davanti a Padelli, infatti, per la prima volta insieme giocheranno: D’Ambrosio, Ranocchia e Bastoni. Una difesa sperimentale e inedita. La speranza di Conte è che i tre riescano a far fronte comune rispetto alla, tutto sommato, debole minaccia della formazione ospite.

Eriksen finalmente titolare con la licenza di attaccare

A centrocampo troverà posto dal 1′ Christian Eriksen, ormai calato nel ruolo di playmaker basso, supportato dai fidi Barella e Borja Valero. Turno di riposo per Brozovic e Vecino, la loro presenza sarà fondamentale nel match clou del campionato di domenica sera. Ai lati agiranno Moses (preferito a Candreva) e Biraghi, dato in netto vantaggio sul veterano Young. La necessità di dosare le forze è la causa primaria di così tanti cambi. Gli esclusi saranno comunque a disposizione, pronti ad intervenire se le cose si dovessero complicare in maniera inaspettata.

Assente Martinez per squalifica, coppia d’attacco obbligata con Lukaku-Sanchez

In avanti, al netto della squalifica di Lautaro Martinez, giocheranno quasi obbligatoriamente il belga Lukaku supportato da Alexis Sanchez. Il baby Esposito troverà posto in panchina insieme agli altri e difficilmente potrà dire la sua durante l’incontro. Il piccolo infortunio che lo ha tenuto lontano dagli allenamenti fino a pochi giorni fa è soltanto un ricordo. Tuttavia le poche sedute di training nelle gambe influiranno negativamente sul suo impiego.