Inter, le condizioni di Eriksen preoccupano ma il sostituto è già in rosa: Sensi pronto a stupire Inzaghi

L'Inter è alle prese con il difficile futuro di Christian Eriksen dopo l'impianto del defibrillatore sottocutaneo di qualche giorno fa. Eppure in squadra c'è già chi potrebbe far sentir meno la mancanza del campione danese.

0
Stefano Sensi
Stefano Sensi, centrocampista dell'Inter.Fonte Wikimedia Commons

L’Inter ha davanti a sé un’estate di dubbi e tormenti. Le condizioni di Christian Eriksen al momento non permetteranno al giocatore di poter scendere in campo in Serie A e la società sta valutando, tra le altre cose, anche una clamorosa ipotesi di rescissione col danese. Uno scenario che priverebbe Inzaghi di un immenso talento a centrocampo.

Eppure nessuno pare voglia fasciarsi la testa più del necessario dalle parti di Appiano Gentile. Qualora, infatti, Eriksen non potesse più vestire la divisa nerazzurra, l’onere subito ricadrebbe su un altro grande protagonista della prima campagna acquisti targata Conte. Vale a dire Stefano Sensi, ex Sassuolo e vittima di una stagione tormentata a causa dei continui infortuni.

Fatalità che ha precluso quest’anno al venticinquenne di Urbino di unirsi alla spedizione azzurra impegnata con gli Europei, oltre che a scendere in campo per buona parte del campionato. Eppure la voglia di riprendersi il posto in squadra rimane altissima e lo sfortunato incidente di Eriksen potrebbe fare da trampolino per un ritorno in grande stile del playmaker interista.

Sull’edizione di ieri della Gazzetta dello Sport, a tal proposito si legge: “Per l’ex Sassuolo si presenta l’occasione di riprendersi alla grande l’Inter. Se anche l’impianto del defibrillatore inserito nel cuore di Christian dovesse essere temporaneo (lo stabiliranno gli esami cui il danese si sottoporrà tra 4-5 settimane), Inzaghi per diversi mesi dovrà fare a meno del fantasista ex Tottenham”. 

Paura finita dunque? Non proprio, perché nel tempo anche Sensi ha dispensato poca tranquillità circa la propria tenuta fisica. Muscoli di cristallo su cui bisognerà lavorare in estate per ridare all’Inter un campione ancora tutto da scoprire e una freccia in più nell’arco di mister Inzaghi.