Marcello Lippi: “Ecco come Gianni Agnelli scelse Del Piero come capitano”

0

Esattamente 95 anni fa nasceva un simbolo della Juventus, Gianni Agnelli. L’avvocato, presidente dal 49′ al 53′, è mancato il 29 gennaio 2003.

Parlando proprio di Agnelli, in un intervista rilasciata da Marcello Lippi a Sky Sport e ripresa poi da Tuttosport, l’ex allenatore bianconero ha raccontato come Alessandro Del Piero divenne capitano bianconero: “Alessandro era un leader silenzioso. Nello spogliatoio, non lo sentivi minimamente, in campo dava poche direttive. A lui bastava un semplice sguardo, e la squadra sentiva il suo carisma nascosto. Un giorno per decidere chi dovesse prendere la fascia di capitano – continua Lippi -, feci un referendum nello spogliatoio, chiedendo ad ognuno dei miei ragazzi di scrivere il nome del papabile capitano bianconero. 22 schede su 25 portavano il nome di Alex. A quel punto sentii bussare alla porta, aprii ed era l’avvocato. Salutò tutti e disse: ‘Caro Marcello, so che stai decidendo chi sarà il prossimo capitano, voglio dirti che non ce ne sarà bisogno perché il nuovo capitano sarà Alessandro del Piero’Io sorrisi, e gli risposi: ‘Avvocato, guardi il nome che sto scrivendo alla lavagna’, presi il gesso e scrissi Del Piero. A quel punto Alex, abbracciò tutti, si girò verso l’Avvocato, e con molta sicurezza gli disse: ‘So quanta stima nutre nei miei confronti, le prometto che guiderò questa squadra con onore fino a quando lei vorrà’. L’avvocato sorrise, e con un filo di voce gli rispose: ‘Figliolo, tu guiderai questa squadra per molti anni ancora. Credo che quando smetterai di farlo io non ci saró più, ma sappi che ti guarderò sempre, mi raccomando“.

In 19 anni di Juve, dal 1993 al 2012, ‘Pinturicchio’ (soprannominato così dallo stesso avvocato) ha siglato 298 gol in 513 presenze.