Mertens: “Rinnovo? Vediamo…”, ma Aurelio De Laurentiis ha una volontà ben precisa

0
Dries Mertens
Fonte foto: Di Photo by Werner100359Cropped by Danyele - Original photo, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=79928683

Dries Mertens è sicuramente uno dei giocatori più rappresentativi della SSC Napoli. Mancano solo poche reti, infatti, per diventare il primo marcatore di sempre della storia della società. Nonostante ciò, però, il futuro dell’azzurro potrebbe essere lontano da Napoli dal momento che il suo contratto scadrà il prossimo giugno.

Al termine della partita contro la Sampdoria, il calciatore ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha parlato anche del suo futuro. Ecco quanto evidenziato: “Scudetto? Dobbiamo crederci sempre e piano piano dobbiamo andare avanti. Adesso dobbiamo fare punti. Se rinnovo ancora con il Napoli? Vediamo, sto qua e non ho altri pensieri. Vediamo, dipende“.

Aurelio De Laurentiis, tuttavia, non ha intenzione di offrire al belga lo stesso contratto, ma uno che prenda in considerazione anche la sua età non più giovane. Attualmente, infatti, Dries Mertens ha un ingaggio da 4 milioni di euro a stagione, troppo per il presidente azzurro per un giocatore che, il prossimo anno, compirà 33 anni.

Per questo, la volontà di rinnovare c’è, ma non alle attuali cifre. Come riportato dall’edizione odierna de Il Mattino, però, Mertens vuole restare ma ancora da calciatore fondamentale e non con un ingaggio da comprimario: “La «Stirr Associates», il gruppo di Bruxelles che gestisce gli interessi di Mertens, non prenderà in considerazione un’eventuale proposta del Napoli che non abbia certi parametri“.

Difficile, quindi, trovare un punto d’incontro tra Dries Mertens ed Aurelio De Laurentiis. Il presidente azzurro è convinto delle qualità del calciatore ormai napoletano, ma il monte ingaggi è diventato troppo oneroso per una società come quella azzurra e per questo bisogna iniziare una riduzione. La differenza di vedute tra i due potrebbero portare Mertens ad andare via il prossimo anno, a giugno 2020, ovvero quando il suo contratto sarà scaduto. Per i napoletani sarebbe davvero un brutto colpo.