Milano, autista sequestra bus di studenti e appicca il fuoco: carabinieri evitano strage

0
Fonte web

Terrore questa mattina a Milano per 51 studenti di una scuola media: l’autista dell’autobus su cui viaggiavano per far ritorno alla scuola dopo un’attività sportiva all’aperto ha sequestrato il mezzo e lo ha dirottato verso l’aeroporto Linate di Milano, per poi dargli fuoco mentre transitava sulla statale 415 Paullese, nel comune di Pantigliate.

Da qui non scende più nessuno”, avrebbe detto l’uomo alla guida del bus, Ousseynou Sy, 47enne di origine senegalese ma italiano dal 2004. Prima di appiccare il fuoco, l’autista ha annunciato di volersi uccidere: “Voglio farla finita, vanno fermate le morti nel Mediterraneo“, avrebbe urlato.

Stando a quanto ricostruito dalle forze dell’ordine, è stato uno dei ragazzini a dare l’allarme contattando con il cellulare i propri genitori, che a loro volta hanno allertato l’intervento dei carabinieri evitando la strage.

Sono stati subito predisposti una serie di posti di blocco mentre le pattuglie raggiungevano il mezzo. L’autista ha forzato lo sbarramento per poi perdere il controllo del mezzo ed finire contro il guardrail. A quel punto ha cosparso il mezzo di benzina e ha appiccato il fuoco con un accendino, mentre i carabinieri hanno messo in salvo studenti e professori entrando dalla porta posteriore e rompendo i finestrini.

Nessuno degli studenti coinvolti è rimasto ferito in modo grave, mentre uno dei professori che accompagnava il gruppo è in codice giallo. Il carabiniere che ha spaccato i vetri per permettere la fuga degli studenti si è ferito a una mano.

I reati contestati all’autista, trasportato in ospedale in stato di alterazione, sono sequestro di persona, strage, incendio e resistenza. L’uomo era autista per la società Autoguidovie da almeno 15 anni.