Morta Franca Sozzani, la “pantera” di Vogue Italia

0
A 66 anni è morta Franca Sozzani, storica direttrice di Vogue Italia. Foto di: Manfred Werner (Tsui) (Own work), via Wikimedia Commons

A 66 anni è morta Franca Sozzani, una delle figure di spicco italiane nel mondo della moda. La donna, malata da poco tempo di cancro, era direttrice di Vogue Italia e presidente della Fondazione Istituto Europeo di Oncologia e Centro Cardiologico Monzino che ha diffuso la notizia del suo decesso.

Per inseguire la moda c’è gente disposta a tutto ma io penso che bisogna corrispondere con gli abiti alla propria personalità, questo è per me lo stile“, dichiarava in un’intervista la donna che per anni e anni ha dettato legge in materia di moda, stile e modelli.  Franca Sozzani amava definirsi “pantera”, perchè nella vita ogni suo successo era stato frutto di una dura e continua lotta: la sua scalata era cominciata negli anni ’70 con Vogue Bambini per arrivare poi alla direzione di Vogue Italia, giornale che riteneva di aver cambiato perchè, da rivista di cappotti e belle gonne, con lei, era diventato un meccanismo capace di appoggiare campagne e lanciare messaggi.

Franca, inoltre, non si definiva una donna di potere, anche se  venne spesso considerata simile ad Anna Wintour, la direttrice di Vogue: “Abbiamo cominciato insieme, stesso mese e stesso anno, 28 anni fa. Siamo diverse, lei si’ che e’ una donna di potere. Anche nel carattere. Io sono leggera, non drammatizzo mai, penso che le difficolta’ vadano superate, non voglio farmi prendere dal panico. Ho tanti sogni, non ho mai smesso di sognare e creare progetti. Voglio fare altre cose non solo essere seduta in una prima fila a vedere vestiti”, diceva a settembre a Venezia.

Tantissimi i messaggi di commemorazione e i saluti di chi la conosceva e l’amava, Giorgio Armani, ad esempio, in suo ricordo ha dichiarato: “Nessuno come Franca Sozzani ha saputo immaginare una realtà diversa e raccontarla attraverso un esercizio quotidiano di gusto e fantasia. Ha dato al suo destino la forma che ha voluto e che non lasciava nessuno indifferente. Mi mancherà non cercare più la sua presenza nel buio della sala. Con vero affetto sono vicino a Carla e a Francesco in questo momento di dolore