Napoli e Fiorentina, chi temere dall’urna di Nyon

0

Dopo la Champions, anche l’Europa League ha le sue otto migliori squadre, pronte a darsi battaglia per conquistare la finale di Varsavia del prossimo 27 maggio.  Delle cinque italiane in gara, solo Napoli e Fiorentina sono riuscite a superare il turno. Sperando che non ci sia un secondo scontro fraticida, quali sono le antagoniste più temibile delle due italiane?

Wolfsburg: L’Inter ha forse regalato la qualificazione, ma l’equipe tedesca è davvero completa in ogni reparto. Luiz Gustavo, Schurrle e De Bruyne sono giocatori di categoria superiore; Benaglio è una sicurezza e la qualità generale è altissima. La favorita per la vittoria finale. *****

Siviglia: La vincitrice della scorsa edizione è sicuramente una formazione rognosa da affrontare e la sonora eliminazione del Villareal agli ottavi lo dimostra ampiamente. Un gradino sotto al Wolfsburg, ma ritrovarla comunque a Varsavia non sarebbe una sorpresa. *****

Dinamo Kiev: Dopo aver eliminato a sorpresa l’Everton, la squadra di Rebrov si pone come mina vagante del torneo. Sono lontani i tempi di Shevchenko e la qualità è infiore a Napoli e Fiorentina ma gli ucraini giocano un buon calcio e possono togliersi ancora delle soddisdazioni. ***

Bruges: La squadra della splendida città belga è un’oasi di calcio interessante, ma non dovrebbe rappresentare un ostacolo insormontabile. Ha già incontrato un’italiana nel corso di questa competizione, si spera possa incontrarne un’altra. **

Zenit S.P.: Nonostante la presenza di tanti ottimi giocatori, contro il Torino non ha impressionato più di tanto. Eppure considerarla un avversario abboradile sarebbe un errore. Dipenderà molto dallo stato di forma e dalla capacità tattica di Villas Boas. ****

Dnipro: Anche l’altra ucraina rimasta in gioco viene da un ottavo combattuto, dove è riuscita ad eliminare addirittura l’Ajax. Insieme al Bruges però, continua a rappresentare l’avversario più modesto per le italiane. **