Premier League, Rashford abbatte il City: derby allo United

0

Semplicemente un sogno quello che sta vivendo Marcus Rashford che, dopo essersi sbloccato sia in campionato e sia in Europa League, lascia la sua firma anche nella stracittadina di Manchester: Il talento di 18 anni e 141 giorni, cresciuto nelle giovanili United per dieci anni e lanciato da Louis Van Gaal quest’anno, ha deciso il derby al 16′ quando si è bevuto un lentissimo Demichelis sulla trequarti e ha battuto Hart in uscita entrando cosi nella storia come più giovane ad andare in rete nel derby e a deciderlo dando anche il colpo di grazia a ogni possibile tentativo di rimonta dei Citizens in chiave titolo perchè ora il Leicester è lontano 15 punti, a sette giornate dal termine ma con una gara da recuperare per gli uomini di Pellegrini

LA PARTITA- Dopo il goal di Rashford,  Il City ha poi perso per strada per infortunio sia Fernando, sostituto da Sterling, sia Hart ad inizio ripresa, con Pellegrini che si è giocato il tutto per tutto già al 53′ richiamando proprio Demichelis per inserire Bony. Citizens a trazione anteriore, United a difendere un gol preziosissimo che vale tre punti e dall’enorme importanza in chiave Champions: ora i Red Devils sono al quinto posto, insieme al West Ham, a solo una lunghezza dai ‘cugini’ che occupano l’ultimo posto disponibile per la qualificazione alla massima competizione europea.

LE DICHIARAZIONI DI VAN GAAL- Dopo la vittoria conquistata nel derby di Manchester, il tecnico dello United Louis van Gaal si è detto molto orgoglioso della sua squadra: “Abbiamo giocato un ottimo primo tempo segnando un gol e abbiamo avuto diverse chance e subito poche occasioni. Nel secondo tempo abbiamo dovuto ricominciare da capo, abbiamo iniziato bene, ma dopo abbiamo dovuto lottare fino alla fine perché eravamo stanchi dopo aver giocato giovedì. Loro avevano giocato martedì e hanno avuto due giorni di riposo in più e questo è importante. Sono un manager molto orgoglioso oggi. Questa vittoria era necessario, il distacco era di quattro punti ed ora è un punto, abbiamo eguagliato anche il West Ham ed è importante. Quindi cosa è possibile? Non posso dirlo, ma non giochiamo più il giovedì e questo è una cosa positiva”, ha detto il tecnico olandese.