venerdì, Giugno 14, 2024
HomeAttualitàRecensione 4x06 - Le Regole del Delitto Perfetto

Recensione 4×06 – Le Regole del Delitto Perfetto

Puntata ricca di sorprese quella che ha visto come protagonista un’Annalise Keating estremamente vulnerabile, quasi al limite della sopportazione.

Ora più che mai l’acclamata serie di Peter Nowalk ci mostra una donna, non più un personaggio, non più una bestia da ring, non più una rockstar. Semplicemente una donna, con le sue debolezze e le sue cicatrici. Dietro il meraviglioso lavoro della pluripremiata Viola Davis, del resto, si nasconde un personaggio perfettamente costruito, che non le manda a dire, che non teme mai di dire la sua, che sembra rivendicare il proprio ruolo di donna indipendente ma fragile.

Mentre, infatti, per le prime tre stagioni Annalise era riuscita – in un modo o nell’altro – a reggere il peso delle proprie colpe e dei propri insuccessi, adesso si ritrova dinanzi ad uno specchio, pronto a urlarle in faccia che lei, più di chiunque altro, è umana. Quello specchio si chiama Isaac ed è il suo terapista, ma contemporaneamente il suo alter ego, l’altra faccia di una stessa medaglia, l’altro capo dell’interminabile filo che li accomuna. Non c’è differenza tra i due, entrambi sono chiamati a fare i conti con una realtà ostile e maligna, entrambi condividono un dolore cieco e interminabile.

Isaac, così come Annalise, è costretto ad arrendersi al fatto che i nodi prima o poi vengono al pettine, e che il destino ci chiama inesorabilmente a confrontarci con le nostre più oscure ferite.

download

Che dire poi della determinazione di Frank, finalmente uscito dalla fase di stasi in cui era inspiegabilmente caduto, e della vacillante forza d’animo di Laurel, determinata a scoprire la verità una volta per tutte?

Diverso è, invece, il discorso per Michaela, caparbia e testarda, e di Asher, il quale appare ancora una volta come l’emarginato, il reietto del quale non è possibile fidarsi completamente.

Per non parlare, poi, del caso che ci tiene col fiato sospeso dall’inizio di questa stagione: chi è stavolta la vittima? Di chi è il sangue sparso per terra? Come si collegano tutte queste scene apparentemente prive di significato?

Lo scopriremo presto.

Intanto godiamoci lo spettacolo.

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME