Roma, da Dzeko a Iturbe: ecco chi potrebbe essere la vera rivelazione della prossima stagione

0

La Roma continua la preparazione in America in vista del preliminare di Champions, sotto gli occhi vigili di Luciano Spalletti e di James Pallotta, spesso presente nel ritiro dei giallorossi. Il patron americano vuole accontentare le richieste del tecnico, ha più volte dichiarato di voler rinforzare la rosa, ma la Roma potrebbe avere in casa i veri colpi della prossima stagione. Sono molti infatti i giocatori in cerca di rilancio o che ancora devono mettersi in luce: Dzeko, Iturbe, Gerson, Alisson e lo stesso Paredes al centro di numerose voci di mercato.

RIVELAZIONI- Nella prima parte di ritiro si sono messi in luce sopratutto i primi due, con Spalletti che ha più volte manifestato gradimento per la forza di volontà e l’intensità con la quale entrambi gli attaccanti si sono allenati. Dzeko ha voglia di mostrare a tutti di essere l’attaccante da 20 gol a stagione che in questi anni è mancato alla Roma, mentre Iturbe dovrà dimostrare di essersi tolto dalle spalle il peso del costo del cartellino, che si porta dietro dal suo arrivo. Costo elevato anche per Gerson, arrivato nella Capitale già sei mesi fa, ma rispedito in Brasile in attesa di liberare posti per extracomunitari. Di lui si conosce pochissimo, non è chiaro ancora in quale ruolo Spalletti deciderà di utilizzarlo, possibile che venga impiegato nella posizione occupata in passato da Pjanic. I suoi nuovi compagni hanno più volte dichiarato di essere sorpresi dalle sue qualità, potrebbe essere il vero colpo del mercato romanista. C’è curiosità anche riguardo Alisson, portiere della Nazionale brasiliana che si giocherà il posto con Szczesny di ritorno dall’Arsenal. Già dalle prime uscite capiremo quale sarà la gerarchia utilizzata da Spalletti, il polacco è sicuramente favorito per un posto da titolare data la sua esperienza nel nostro campionato e in Champions. Il ritiro ha permesso al tecnico di Certaldo di conoscere meglio Leandro Paredes, reduce da un’ottima stagione ad Empoli. Il giocatore è al centro di numerose voci di mercato, Spalletti lo ha paragonato a Pizarro e sappiamo quanto sia stato importante il cileno per il suo gioco negli anni passati, qualora l’argentino dovesse restare non dovremmo essere sorpresi se il suo nome dovesse comparire spesso nell’undici titolare.