Schick verso il ritorno alla Roma, il DS del Lipsia fa retromarcia: “Ad oggi non posso pensare ai riscatti”

L'attaccante ceco difficilmente sarà riscattato dal club tedesco. Le ultime

0
Patrik Schick, fonte By Tadeáš Bednarz - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=83161124
Patrik Schick, fonte By Tadeáš Bednarz - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=83161124

L’emergenza coronavirus avrà importanti ripercussioni anche sulla finestra estiva di calciomercato. Le società sono in grande difficoltà nel sostenere i costi senza poter contare sugli introiti derivanti da botteghini e diritti televisivi e a farne le spese potrebbero essere i calciatori.

E’ il caso di Patrik Schick, trasferitosi in prestito dalla Roma al Lipsia nella scorsa estate e autore di una stagione importante, con 7 reti e 2 assist in 15 presenze in Bundesliga. Il club tedesco vanta un’opzione per il diritto di riscatto a 29 milioni qualora arrivasse la qualificazione in Champions, ma difficilmente l’eserciterà.

A confermare le indiscrezioni ci ha pensato direttamente il direttore sportivo del Lipsia, che in una recente intervista ha dichiarato:

“A oggi non posso assolutamente pensare alle clausole di riscatto per i giocatori in prestito”.

Le priorità del club in questo momento sono altre, per tale motivo Schick sembrerebbe destinato a tornare nella capitale. Spetterà poi alla Roma trovare una soluzione definitiva per il giocatore, che a bilancio pesa circa 19 milioni di euro.