Sky, la verità sul caso Dybala: ecco cosa c’è dietro l’ennesima esclusione

Paulo Dybala è rimasto in panchina per gran parte del match con il Sassuolo, ecco cosa c'è dietro l'ennesima esclusione...

0
Paulo Dybala, Juve, fonte Di Leandro Ceruti from Rosta, Italia - juve 6 leggenda, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=59296963
Paulo Dybala, Juve,fonte Di Leandro Ceruti from Rosta, Italia - juve 6 leggenda, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=59296963

Ennesima panchina per Paulo Dybala, il numero dieci della Juventus è rimasto a guardare i compagni per gran parte del match con il Sassuolo, subentrando solamente a dieci minuti dalla fine al posto di Bernardeschi. Allegri al termine del match ha spiegato la scelta:

“Bernardeschi ha lavorato bene sulla trequarti, così come anche Dybala quando è entrato. Se si trovano squadre chiuse dove in mezzo non si passa, allora bisogna sviluppare la partita sulle fasce e viceversa: non abbiamo cominciato bene ma poi ho modificato l’assetto per aggiustarci. Dybala ha giocato quasi tutto il girone d’andata, ai giocatori dispiace ma la panchina serve per ricaricarsi e trovare la cattiveria giusta”.

In diretta dagli studi di Sky Sport, Beppe Bergomi ha rivelato cosa ha spinto Allegri a rinunciare alla Joya nelle ultime gare. Ecco l’analisi dell’ex difensore dell’Inter:

“Il tecnico bianconero è sempre molto attento nelle scelte. Dybala in panchina? Anche ad inizio anno aveva fatto questo tipo di scelta, penso che dipenderà molto dalla forma fisica dell’argentino. Dybala è in grado di ricoprire quella zona di campo e fare quel tipo di lavoro che vuole Allegri, ma magari non può reggere certi tipi di ritmi”. 

Dietro l’esclusione dell’argentino quindi ci sarebbe una condizione fisica precaria, unita ad atteggiamenti poco graditi dalla società.