Zaniolo, la zia dell’ex ragazza rivela: “L’ha cacciata di casa ed è sparito, vergogna”

0
Zaniolo, fonte profilo ufficiale Instagram
Zaniolo, fonte profilo ufficiale Instagram

L’interruzione della storia d’amore tra Nicolò Zaniolo e Sara Scaperrotta ha fatto parecchio rumore. Tutte le testate hanno riportato la notizia soprattutto dopo aver appreso della gravidanza dell’ormai ex ragazza. Ai microfoni di “Giornalettismo.com” è intervenuta la zia di Sara, la quale non le ha mandate a dire al calciatore. Ecco i principali punti evidenziati:

Sara, è la seconda volta che aspetta un figlio da Zaniolo. La prima risale a sette mesi fa. Poi la coppia ha scelto di interrompere la gravidanza. Non erano pronti. Ma quel gesto li ha uniti ancora di più. Chi ha insistito in questi mesi per riavere un figlio è stato lo stesso Zaniolo. Mia nipote custodisce tutti i messaggi, tutte le prove. Lo voleva a tutti i costi. Ripeteva: “Abbiamo fatto una cazzata, abbiamo fatto una cazzata”.

Ha cancellato ogni foto, ma basta fare un giro sul web e si trova il Corriere dello sport lo aveva ripreso. Non solo ha cancellato le foto con mia nipote, ma quando Sara gli propone di dirlo subito alla sua famiglia, esplode il caos. Nicolo, vuole aspettare. Prende tempo e dice a mia nipote che lo avrebbero fatto a Natale, a La Spezia, quando i due sarebbero andati a Natale per le vacanze nel paese natale del ragazzo. Mia nipote, non mi chieda per quale motivo, difficilmente è stata accettata dalla famiglia”.

Il modo in cui è stata interrotta la storia d’amore non è andata giù alla zia di Sara, la quale ha espresso tutto il suo malumore con queste parole, rivelando la verità.

La zia di Sara ha poi aggiunto:Sara non vuole andare a La Spezia, noi siamo una brava famiglia, onestamente sentire che lei ha paura del giudizio, incute timore in tutti. Sara, in dolce attesa, per la seconda volta, psicologicamente sconvolta, giovane, anche provata, non avrebbe retto nel sentirsi “non accettata”. Chiede a Nicolò di dirlo ai genitori subito. E… come non detto. Appena lo scoprono, corrono a Roma ed è il caos. Mia nipote viene cacciata di casa in 24 ore. E loro abbandonano la casa dove vivevano i ragazzi“.