Anche “Marca” incorona l’Italia: voti super per tutti gli azzurri

0

Non solo l’Italia. L’impresa degli azzurri di ieri, che hanno eliminato i Campioni d’Europa della Spagna, non è passata inosservata nemmeno in terra iberica. E il quotidiano spagnolo “Marca”, dà onore e merito alla Nazionale di Antonio Conte: “Non siamo i migliori” titola il giornale dopo l’eliminazione della Roja per mano di un’Italia arrivata in terra di Francia senza alcuna pretesa da parte dei media. Ma che ora, dopo un girone archiviato con facilità dopo due giornate, e aver eliminato i detentori della Coppa, fa un po’ più di paura a tutte. E’ mancato solo un po’ di cinismo agli uomini di Antonio Conte che non hanno capitalizzato al meglio tutte le occasioni per chiudere il match in anticipo. Ma forse, proprio dalla sofferenza nascono le vittorie migliori.

Stilando le pagelle del match grande risalto viene dato da “Marca” alla prestazione di Emanuele Giaccherini, centrocampista del Bologna, voluto fortissimamente da Conte in questa Nazionale, tanto da farlo diventare un imprescindibile. Ma sono i voti di tutti gli azzurri ad essere alti, segno di una prestazione che, come voleva il tecnico pugliese, è andata al di là dell’ordinario.

GIANLUIGI BUFFON 8 – Decisiva la sua parata su Piqué nel finale.

ANDREA BARZAGLI 7 – Solo Sergio Ramos e Piqué lo turbano sui calci piazzati, ma inutilmente.

LEONARDO BONUCCI 7.5 – Non esita mai con la palla tra i piedi, uscendo sempre a testa alta.

GIORGIO CHIELLINI 8 – Nel posto giusto al momento giusto sulla punizione di Eder. Oltre il gol era una montagna in difesa che la Spagna non è riuscita a scalare.

ALESSANDRO FLORENZI 7.5 – E’ stato il primo degli Azzurri a far sentire la sua presenza come un vero e proprio pugno nel fianco. La sua energia era contagiosa; prestazione eccezionale e giusta la sua inclusione negli 11 titolari.

EMANUELE GIACCHERINI 8 – L’uomo del Bologna non ha mostrato alcun timore contro i Campioni d’Europa. Ha pressato, turbato e tormentato gli spagnoli per tutto il match, anche quando le sue gambe sembravano andate.

DANIELE DE ROSSI 7 – Ha giocato come quarto difensore aggiunto, ma la sua performance non si è limitata solo a questo riuscendo a collegare sapientemente difesa e attacco. Esce dopo un infortunio e la speranza è che non salti la partita di sabato contro la Germania.

MARCO PAROLO 7.5 – Ha vinto il duello con Andres Iniesta.

MATTIA DE SCIGLIO 7.5 – Corre su e giù per la fascia con facilità; sembra essere il terzino che tutti si aspettavano. La chiave sarà mantenere questo stato di forma.

EDER 7.5 – Si sacrifica e combatte su ogni palla fino a quando non viene sostituito da Insigne. Le sue corse in avanti mandano in affanno la difesa spagnola che non riesce a tenere il passo dell’interista.

GRAZIANO PELLE’ 8 – Conte lo incarica di colpire la palla in avanti e lui lo ripaga con facilità. Il suo sforzo viene ricompensato con un altro gol nel finale, il suo secondo del torneo.

THIAGO MOTTA 6 – Entra per De Rossi e fa sentire la sua presenza in mezzo. Il suo voto basso è dovuto al giallo inutile che prende per colpire Lucas Vazquez nei minuti finali, che lo fa così escludere per la partita contro la Germania.

LORENZO INSIGNE 6.5 – Aggira la stanca difesa spagnola con facilità. Il suo passaggio in mezzo al campo porta al 2-0 di Pellè.

MATTEO DARMIAN 6.5 – La decisione di Conte di metterlo in campo per Florenzi è un rischio considerando che la partita poteva andare ai supplementari. Ma la mossa ha pagato, Darmian ha fornito il passaggio chiave per Pellè.