Coronavirus, bollettino Protezione Civile (9 aprile 2020)

I dati aggiornati della Protezione Civile.

0

Come previsto, il Paese sta andando verso il prolungamento delle misure restrittive che secondo il decreto avrebbero dovuto concludersi il 13 aprile. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, è pronto a firmare una nuova ordinanza di chiusura per altri 15 giorni, intorno alla fine di aprile. Inoltre, il premier ha incontrato i sindacati Cgil, Cisl e Uil per parlare di una possibile riapertura delle piccole attività produttive (cosiddetta Fase 2). Tuttavia, si attendono conferme a riguardo.

Sul fronte europeo e mondiale, sono ancora in crescita i casi di contagio in Germania: si parla di 108.202 positivi, un aumento di 4974 casi rispetto al giorno precedente. Sta facendo, inoltre, discutere la prima pagina del quotidiano tedesco Die Welt: “La mafia aspetta i soldi Ue”. Parole molto forti che hanno indignato il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, il quale ha dichiarato: “Spero che il governo tedesco ne prenda le distanze. L’Italia piange oggi le vittime del coronavirus, ma ha pianto e piange le vittime della mafia”.

In Spagna si registra un calo nella curva delle vittime causate dall’epidemia, 683 morti nelle ultime 24 ore per un totale di 15.238 vittime. E’ quindi salito a 152.446 il totale delle persone contagiate in Spagna. In Francia, invece, il decreto del governo ha provocato polemiche perché alcuni hanno voluto interpretare l’suo del Rivotril come via libera all’eutanasia. Né eutanasia né suicidio assistito ma “una sedazione profonda e continua” fino alla morte dei malati in fase terminale, questo per limitare l’accesso negli ospedali. Preoccupano, infine, i numeri negli Stati Uniti, quasi 2000 morti in 24 ore.

Nella conferenza stampa delle 18, il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, ci fornisce il bollettino quotidiano dell’epidemia.

I DATI DI OGGI – Attualmente in Italia si registrano 1615 nuovi positivi per un totale di 96877, di cui 3605 in terapia intensiva (numeri in calo), 28399 ricoverati in ospedale e 64877 in isolamento domiciliare con sintomi lievi o asintomatici. Oggi si registrano 610 decessi e 1979 nuovi guariti per un totale di 28470. I casi totali (positivi, guariti e decessi) sono 143.626.