Coronavirus, variante inglese in tutta Europa: scattano nuove restrizioni

Coprifuoco e restrizioni in tutta Europa da domani

0
Statistiche Coronavirus. Foto di Google contrassegnata per essere riutilizzata.

La seconda ondata del Covid-19 non si arresta e sta dilagando in tutta Europa e oltre, in veste tutta nuova. La variante inglese dell’epidemia sta spaventando la popolazione che si domanda nel frattempo se il vaccino sortirà gli stessi effetti. Per questo motivo, i vari Paesi europei, ma anche la Cina, faranno scattare da domani numerose restrizioni.

PAESI BASSI – Il premier Mark Rutte ha dichiarato che “nessuno lo vuole. È una misura severa. Nessuno sta esultando. Il divieto arriverà solo se la Camera dei rappresentanti sarà d’accordo”, in merito alle nuove restrizioni che entreranno in vigore da domani. I Paesi Bassi, infatti, si preparano a imporre il coprifuoco dalle 20.30 alle 4.30 del mattino. Inoltre, il governo sta decidendo se attuare nuove restrizioni su visite domiciliari, funerali e un potenziale divieto di volo dalla Gran Bretagna e dal Sudafrica.

PORTOGALLO – In Portogallo domenica si terranno le prossime Presidenziali. Tredicimila elettori che si trovano in quarantena saranno aiutati da volontari che ritireranno porta a porta le schede elettorali. “Dobbiamo combattere la pandemia ma non possiamo sospendere la democrazia” ha detto il sindaco di Loures, Bernardino Soares. L’operazione rappresenta “uno sforzo logistico molto complicato” e “tutto è stato organizzato all’ultimo minuto”.

CINA – A Pechino, dove sono stati isolati i primi casi di variante inglese nel Paese, cinque quartieri sono tornati in lockdown. I casi sono stati “considerati come varianti del nuovo coronavirus scoperto nel Regno Unito” ha spiegato il capo dell’autorità sanitaria di Pechino, Pang Xinghuo. “I casi rilevati a Daxing hanno lanciato l’allarme che la situazione epidemica è dura e complessa” ha affermato Xu Hejian, portavoce della municipalità, in conferenza stampa.

“Non possiamo allentare sulla prevenzione dei casi importati e sul rimbalzo domestico” ha continuato. I residenti di questi quartieri non potranno uscire di casa e agli studenti è stato detto di rimanere nelle proprie abitazioni. Molti luoghi pubblici, come edifici per uffici, hotel, ristoranti, fabbriche e supermercati, sono stati chiusi e i residenti di Daxing sono stati sottoposti a test di massa.