Edoardo Santonocito e gli influencer: ecco come riconoscerne uno

L'influencer Edoardo Santonocito ci spiega chi secondo lui è un influencer e quali caratteristiche deve avere

0
Edoardo Santonocito
Edoardo Santonocito

Gli influencer sono uno dei fenomeni più invidiati e studiati della nostra società.
Ormai chiunque apra un profilo social, sogna di diventarlo e di trarne un profitto.

Infatti le sponsorizzazioni sono uno dei modi per trarre un profitto dall’essere un influencer.
Ma come si riconosce un influencer da uno che non lo è?

Edoardo SantonocitoA questo dilemma ha risposto un influencer molto famoso ovvero Edoardo Santonocito.
Lui si che può essere annoverato di diritto tra gli influencer e non solo grazie al suo profilo Instagram, che conta oltre 1 milione di followers.

In una nostra recente intervista, abbiamo chiesto ad Edoardo della figura dell’influencer e di come riconoscerne uno.
Ecco cosa ci ha risposto:” Ormai tutti si credono “blogger”, “youtuber” o “INFLUENCER”. Basta avere qualche follower, postare contenuti discreti con qualche caption filosofica e taggando ogni tipo di brand che molti si sentono i nuovi Mariano Di Vaio! Io faccio ironia ma purtroppo ad oggi, alle porte del 2019 é cosi! Un “Influencer”, come dice la parola deve essere una persona in grado di INFLUENZARE e GUIDARE i propri seguaci/ascoltatori/osservatori/fans secondo il proprio gusto, le proprie esperienze ed il proprio bagaglio culturale, partendo dal feedback sull’acquisto di un paio di scarpe alla guida intera per una vacanza dall’altra parte del mondo.

Edoardo Santonocito
Edoardo Santonocito


Un “Influencer” deve essere anche un tramite tra il brand ed il consumatore e deve quindi essere una figura positiva in grado di poter fare uscire in maniera corretta la propria immagine sia da sola che legata ad un prodotto da sponsorizzare.”

 

L’immagine descritta dell’influencer da Edoardo ci deve far riflettere su quanti usano questo termine a sproposito.
Non bastano diecimila followers per credersi tale, ma servono dedizione, sacrificio e bisogna curare molto i contenuti.
Il “lavoro” di influencer e molto più di un semplice tag ad un brand.

Edoardo Santonocito
Edoardo Santonocito