Il Volo e la verità sulla polemica delle stanze imbrattate

0

Il direttore dell’albergo di Locarno che aveva accusato Il Volo di aver imbrattato di feci una stanza d’hotel fa marcia indietro e, durante Pomeriggio 5, minimizza il tutto a “un paio di letti sfatti per rifare i bagagli e qualche depliant caduto dalla scrivania”.

Da giorni La vita in Diretta e Pomeriggio 5 non fanno altro che parlare de Il Volo e di quanto affermato da una testata svizzera che ha puntato il dito contro Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble, colpevoli di avere devastato una stanza di albergo in Svizzera perché sui pavimenti c’era la moquette. La notizia è stata ripresa da tutto il mondo ma i tre tenorini hanno subito smentito.

Nel corso del programma Pomeriggio 5 in un confronto telefonico con l’Ufficio stampa de Il Volo, il direttore dell’Hotel Du Lac di Locarno ha smentito le infamanti accuse mosse nei confronti dei tre artisti per l’inesistente “devastazione” delle camere da loro usate.

Durante il programma di Barbara D’Urso, il direttore ha affermato “di non essere a conoscenza di chi possa avere diffuso la falsa notizia e che l’episodio a lui riportato dal personale delle pulizie, non verificato da lui personalmente né tanto meno dal giornalista che ha diffuso la notizia, né documentato è stato ridimensionato a un paio di letti sfatti per rifare i bagagli e qualche dépliant caduto dalla scrivania di una delle stanze occupate dai tre artisti“. Molto rumore per nulla, quindi.

 Stando a quanto riferito invece ieri dai media svizzeri, Ignazio Boschetto, Piero Barone e Gianluca Ginoble non avrebbero gradito il soggiorno nelle stanze dell’Hotel Garni du Lac di Locarno, in particolare per la presenza della moquette: per questo avrebbero «gettato alla rinfusa» oggetti, materassi e biancheria, «orinato fuori dalle tazze e spalmato feci sul muro». Circostanze già smentite ieri dai tre. Anche quanto riferito sulle stanze delle due signore al seguito degli artisti, la loro tour manager e personal assistant che li segue da sei anni fin dai loro inizi in tutto il mondo e la responsabile publicity per la Germania, è – sempre secondo il direttore dell’albergo – totalmente privo di fondamento e frutto di ricostruzioni fantasiose del personale. Il Volo, fa sapere ancora l’ufficio stampa, ha già dato mandato al proprio legale di procedere per la tutela della propria reputazione così ingiustamente offesa.

Da che parte sta la verità?