L’avviso di De Luca: “La movida incauta porterà al ritorno della zona rossa”

Vincenzo De Luca avverte i suoi concittadini che gli assembramenti irresponsabili potrebbero causare il ritorno del lockdown in Campania.

0
La movida incauta, No alla movida, Vaccino Pfizer, Vaccino anti COVID in Campania, De Luca infuriato, 550 mila mascherine, De Luca preoccupato, La nuova multa di De Luca, De Luca accusa, Contributo fitti COVID-19, Screening Sierologico
Vincenzo De Luca, Fonte Wikipedia

Dato che attualmente la Campania rientra in zona gialla, Vincenzo De Luca ha tenuto a precisare qualche dettaglio. Riguardo alla movida incauta, nello specifico. Cosa che il governatore ha proibito vivamente, pena il ritorno in zona rossa della regione.

IL PERICOLO – «Zona gialla non vuol dire liberi tutti» – ha iniziato De Luca, durante la solita diretta del venerdì. Ha poi continuato appellandosi al buon senso dei cittadini, invitandoli a rispettare le regole. In quanto, come già anticipato: «Se facciamo movida senza essere cauti, tra 15 giorni diventeremo di nuovo zona rossa. Per un estate serena tutto dipende dal nostro comportamento e dalla campagna vaccinale veloce».

L’incauta movida è quindi essenziale da evitare, ma c’è anche qualcos’altro che ha turbato il presidente della regione.

IL PROBLEMA DEL SUD – Parliamo di un problema riguardante il sud, derivato da un’analisi sul Recovery fund e i finanziamenti dovuti che non sarebbero esatti. Analisi dopo la quale De Luca ha affermato che: «Non è vero che al Sud spetta il 40% delle risorse perché hanno utilizzato un capitolo di spesa destinato al mezzogiorno».

Il problema di fondo sarebbe che la Campania in media riceve: «40 euro a cittadino per la spesa sanitaria rispetto alle altre regioni italiane». Una spina nel fianco, il quale combinata ad un – «minor afflusso di dosi di vaccini» – causa non pochi dilemmi in Campania.

La soluzione per il governatore è semplice, seguire il modello della Germania dopo la caduta del muro di Berlino. Purtroppo, come dice lui stesso: «[…] in Italia non sta accadendo».