Milan a terra, il Verona compie una rimonta incredibile

Male il Milan, che in vantaggio fino al 75' si fa rimontare e battere dal piccolo Verona di Delneri. Adesso i rossoneri vedono lontanissima l'Europa League.

0

E’ un’altra stagione da incubo per il Milan e i suoi tifosi. Quest’anno i rossoneri hanno dovuto soccombere in ben dieci occasioni, restando di fatto esclusi dalle zone alte della classifica, in fondo un po’ come ci si aspettava ad inizio stagione. Per tutto il campionato il Milan ha fornito prestazioni piuttosto ordinarie, talvolta al di sotto della sufficienza nonostante la presidenza avesse chiamato in panchina “Sergente di ferro” Sinisa Mihajlovic  Il serbo era stato chiamato proprio per “raddrizzare” il Milan, che nella passata stagione aveva mostrato troppe volte scarse personalità e solidità mentale. A quanto pare il lavoro del Sergente non è bastato, e anzi dobbiamo chiederci se sia servito a qualcosa. Con Brocchi in panchina non si vedono infatti segnali incoraggianti: oggi i rossoneri hanno subito una brutta sconfitta contro il Verona, che ormai ha ben poco da chiedere al suo campionato. Il gol d’apertura di Menez è stato del tutto neutralizzato dalla rimonta degli scaligeri, che negli ultimi trenta minuti di partita sono riusciti a pareggiare (con un rigore di Pazzini al 72′) e poi addirittura a ribaltare il risultato nei minuti di recupero con un gol di Siligardi.

Luca Siligardi
Luca Siligardi ha completato la rimonta del Verona al 95′ (www.corrieredellosport.it)

E’ una sconfitta che fa male, specialmente in termini di classifica. Il Milan continua ad essere sesto, cioè fuori dalla zona che permette l’accesso ai preliminari di Europa League. Il problema è che con tre partite restanti, i punti di svantaggio rispetto alla Fiorentina sono ben sei, molto probabilmente troppi per la squadra di Brocchi. Perdere così nei minuti di recupero fa sempre male, ma questa volta il disappunto dei tifosi milanisti sarà sicuramente maggiore: il Milan ha rischiato in diversi occasioni di fronte alle offensive del Verona e se non fosse stato per Donnarumma, sempre più una sicurezza tra i pali tanto da attirare l’interesse del Chelsea, a quest’ora non parleremmo di rimonta veronese ma di sconfitta netta. Perplessità anche per quanto riguarda le scelte dello stesso Brocchi, che oggi ha rimediato la prima sconfitta sulla panchina del Milan, dopo aver deciso di lanciare dal primo minuti Jose Mauri e De Sciglio (costretto ad uscire nel corso del primo tempo). Il Milan non c’è: i rossoneri necessitano assolutamente di un cambiamento radicale nel corso del prossimo mercato estivo, su questo non ci sono dubbi.