Nozze tutt’altro che glamour per Luca Argentero e Cristina Marino: un solo vip tra gli invitati

Nuovi dettagli sulle nozze tra Luca Argentero Cristina Marino. Cerimonia con soli 30 invitati e un solo vip. Si tratta di Raz Degan, grande amico dell'attore italiano.

0
Luca Argentero
Luca Argentero. Foto Wikimedia Commons

Sono ormai passate quasi due settimane dal fatidico sì con cui Luca Argentero e Cristina Marino hanno coronato il loro sogno d’amore. Un matrimonio che arriva a un anno di distanza dalla nascita della piccola Nina Speranza e che giorno dopo giorno regala nuovi particolari e spunti di riflessione.

A colpire i tanti fan del bell’attore è stata innanzitutto la location in cui è andato in scena il matrimonio. La coppia infatti avrebbe deciso di non fare le cose in grande optando per una cerimonia sobria e senza eccessi nel borgo umbro di Città della Pieve, terra d’adozione e buen retiro di Argentero dopo la registrazione di una stagione di “Carabinieri” risalente al 2005.

Curioso anche il veicolo che ha accompagnato la sposa e poi usato da entrambi per lasciare il municipio. Argentero e la Marino avrebbero infatti scelto un sidecar dal sapore retrò rosso fiammante.

Pochi anche gli invitati al lieto evento, con parenti e amici pronti a festeggiare la coppia in tono minore e senza quella patina di glamour tipica delle nozze tra personaggi famosi. Unico vip presente al matrimonio Raz Degan, attore israeliano grandissimo amico della coppia. Insieme a tutti gli altri, l’ex naufrago dell’Isola dei Famosi, ha festeggiato gli sposi raggiungendoli nella cittadina umbra poche ore prima della cerimonia.

Le nozze sono state dunque, proprio quella “semplice festa d’amore” così come la sposa aveva annunciato sui propri canali social. “La verità – aveva scritto poche ore prima del sì –  è che non condividerò molto, come sapete siamo molto discreti: ci piace che le cose private rimangano tali, per quanto possibile”. Un piccolo rinfresco di benvenuto ha preceduto il rito civile officiato dal sindaco Fausto Risini a cui è seguita una cena con soli trenta invitati. Un matrimonio low profile ma come ha poi svelato il primo cittadino del comune umbro: “Molto bello e vissuto. Non hanno pianto, erano molto controllati e carini. Io l’ho tirata un po’ per le lunghe per non farla durare il solito quarto d’ora. Abbiamo parlato da buoni amici, cercando di sdrammatizzare il momento”.