venerdì, Aprile 19, 2024
HomeSpettacoloCinemaPerché Dunkirk è così intenso e coinvolge emotivamente?

Perché Dunkirk è così intenso e coinvolge emotivamente?

L’ultima fatica del regista britannico Christopher Nolan è nei cinema italiani ormai da una settimana, e un punto in particolare mette tutti d’accordo, l’immensità della pellicola che riesce a emozionare.

Per chi fosse convinto che la seconda Guerra Mondiale avesse già detto tutto, in ambito cinematografico, forse non è al corrente che il film narra la storia dell’evacuazione della città francese di Dunkerque (in inglese Dunkirk), un eroico salvataggio che non ha coinvolto soltanto i soldati della regina, ma anche imbarcazioni civili. La scelta di mostrare l’Operazione Dynamo è stata senza alcun dubbio vincente, soprattutto per la tendenza di Hollywood a mostrare sempre le solite battaglie come il celebre sbarco in Normandia, visto nelle fasi iniziali di Salvate il Soldato Ryan di Steven Spielberg.

Dunkirk è pervaso di una costante sensazione di ansia e apprensione per il pericolo costituito dal nemico, sempre in agguato. Tale sensazione non è solo frutto delle spettacolari immagini IMAX portate sullo schermo da Nolan o delle eccellenti interpretazioni del cast stellare che comprende Tom Hardy, Cillian Murphy e Mark Rylance, ma soprattutto dall’ennesimo sodalizio vincente fra le immagini e le eccelse colonne sonore di Hans Zimmer. Una colonna sonora che “esaspera” lo spettatore, in crescendo costante accompagnato, in quasi la totalità delle tracce, dal ticchettio di un’orologio. Nolan e il compositore tedesco, ormai “coppia fissa” sin da Batman Begins, hanno infatti optato per l’uso massiccio di un “illusione acustica” chiamata Effetto Shepard. È una soluzione largamente utilizzata dal regista nei suoi film, come Inception e Interstellar, che gli permette di far risaltare le “manipolazioni temporali” che ormai sono il marchio di fabbrica del cineasta britannico.

In calce all’articolo potete trovare un video del canale YouTubeVox” che spiega in maniera approfondita e dettagliata il funzionamento dell’Effetto Shepard, con tanto di esempi pratici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME