venerdì, Giugno 21, 2024
HomeCronacaCronaca esteraRenzi sulla scuola: "Basta al precariato"

Renzi sulla scuola: “Basta al precariato”

Il premier Matteo Renzi augura in una lettera buon lavoro ai professori neo-assunti, sfruttando l’occasione per elencare gli effetti della riforma della scuola e scrive: “Per anni le istituzioni hanno permesso che si creasse un ingiustificato e odioso precariato tra i docenti. Conosco bene la rabbia e la frustrazione che tutto ciò ha provocato in molti suoi colleghi. Essere considerati pacchi postali da spedire in varie zone della provincia e attendere le convocazioni di fine agosto come un rito umiliante e angoscioso“.

Nonostante le critiche sostiene Renzi, ricordando l’iter della riforma, caratterizzato da molte richieste di stop. Se si fosse bloccato il percorso che ha portato la Buona Scuola ad oggi, il premier è sicuro si sarebbe tornati “all’anno zero“. Il premier si sofferma ad elogiare il lavoro dei docenti ammettendo che il loro lavoro è persino più importante del proprio. Un docente, aggiunge, si occupa di educazione e non c’è priorità più grande per l’Italia dei prossimi anni, ha la possibilità di tutti i giorni di valorizzare i sogni e le passioni dei nostri ragazzi che sono il bene più prezioso che abbiamo.

La scuola, conclude Renzi, “è la più grande opportunità per dare a tutti la possibilità di trovare la propria strada per la felicità” rivolgendosi ai docenti che ricorda hanno una responsabilità meravigliosa e difficilissima. L’Italia di domani sarà come la faranno i professori di oggi, ci tiene a precisare e aggiunge ancora che il governo farà di tutto per aiutarli questo lavoro, cercando di fare sempre di più.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME