SuperLega, Florentino Perez: “Ci sarebbero anche la Roma e il Napoli ma non possiamo essere in 50”

0
Florentino Perez, presidente del Real Madrid, fonte By Mohan, www.dohastadiumplusqatar.com - http://www.flickr.com/photos/dohastadiumplusqatar/6427035873/in/photostream/, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18224193
Florentino Perez, presidente del Real Madrid, fonte By Mohan, www.dohastadiumplusqatar.com - http://www.flickr.com/photos/dohastadiumplusqatar/6427035873/in/photostream/, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18224193

L’ECA ha comunicato perdite per 5000 miloni per la pandemia da Coronavirus. La situazione è molto grave e i grandi club devono assolutamente fronteggiarla. La stagione scorsa il Madrid pensava di ottenere 800 milioni e ne abbiamo ricavati 700“, così ha esordito il presidente del Real Madrid, Florentino Perez, in merito alla SuperLega.

I calciatori non devono preoccuparsi, devono stare tranquilli. Non succederà nulla di quanto detto da parte della UEFA che rappresenta un monopolio ed essere trasparente“.

Florentino Perez ha infine parlato anche delle altre squadre, sottolineando anche la Roma e il Napoli: “Ci sono squadre che non interessano a nessun spettatore. Se facciamo 5 partite di alto livello saremo davvero imbattibili. Al momento siamo 12, potremo essere 15 e altre cinque che si alternano di anno in anno. La meritocrazia esiste ma non possiamo mettere 50 squadre. Ci sarebbero anche la Roma, il Napoli e molte altre. Se non sarà un anno, sarà per quello dopo“.

Così ha parlato il presidente dei blancos alla trasmissione spagnola El Chiringuito della nuova manifestazione europea.

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, puntava a rientrare tra i 12 club fondatori. Da anni, infatti il numero uno azzurro si batte per una manifestazione del genere. I grandi club, però, l’hanno tagliato fuori.