Alcol scambiato per bevanda, 41 morti in Russia…

A Irkutsk, città della Siberia, 41 persone sono decedute per l'ingerimento di lozione da bagno, erroneamente confusa per bevanda alcolica...

0
Alcol
Bottiglie di Vodka Fonte: Google

Notizia che ha del tragicomico… A Irkutsk, città della Siberia, ben 41 persone sono morte per l’ingerimento di una lozione da bagno, apparentemente confuso per alcol.

IL FATTO

Ad essere vittime di questo drammatico evento, alcuni abitanti del quartiere Leninski. I cittadini, la cui età varia dai 35 e i 50 anni, ”hanno bevuto il prodotto come se fosse alcol.’ Ben 16 persone, sono ancora ricoverate in ospedale. Secondo il Comitato investigativo locale, questo lozione a base di biancospino sarebbe ”Boiarishnik” . Sul prodotto è anche piuttosto evidente l’etichetta ETANOLO 93%,  secondo le dichiarazioni di Alexei Krupin. Quest’ ultimo infatti, responsabile locale dell’agenzia di distribuzione e vendita di alcol in Russia Rosalkogolregulirovanie, ha rammentato la facilità d’inganno di questi prodotti. Le persone tendono a confondere prodotti chimici apparentemente simili, anche in base all’estetica della confezione…

SCANDALO NAZIONALE

A non mancare, in un avvenimento di tale portata, la dichiarazione del Premier Medvedev. ”E’ uno scandalo, è chiaro che bisogna porre fine a queste cose e proibire il ricorso a sostanze di questo genere” questo l’ammonimento del Ministro. La Russia, infatti, è, specie con stereotipi, legata all’immagine della Vodka. La popolazione che consuma grandi quantità annue di queste bevande, è solita scambiare questi con prodotti surrogati. Eventi di questo tipo, sono molto comuni nel paese russo. Talvolta una cattiva abitudine può diventare fatale.

LA QUESTIONE ALCOL IN RUSSIA

La questione alcolica in Russia, è una delle emergenze più rilevanti nell’ambito sanitario. Secondo studi statistici, 1 persona su 5 muore per abuso di bevande alcoliche. Secondo le stime sviluppate da Patricia Critchlow, e pubblicate nell’articolo ”First Steps: AA and Alcoholism”, in Russia ben 22 milioni di persone su una popolazione di 144 milioni sono a rischio.