Campania, l’avvertimento di De Luca: mascherine obbligatorie all’aperto e controlli rafforzati

Con il Natale alle porte, è necessario ampliare i controlli e seguire rigide regole anti-Covid

0
Vincenzo De Luca, presidente Regione Campania, fonte Di Jack45 - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Vincenzo_De_Luca_2015.jpg, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=53452665
Vincenzo De Luca, presidente Regione Campania, fonte Di Jack45 - https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Vincenzo_De_Luca_2015.jpg, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=53452665

In Campania, da inizio pandemia è obbligatorio l’uso delle mascherine all’aperto. Vincenzo De Luca, presidente della Regione, non ha mai fatto un passo indietro su queste tematiche. In vista del Natale e della nuova variante Omicron, della quale non si sa ancora nulla, è bene continuare a seguire queste rigide regole e intensificare i controlli.

La variante Omicron spaventa: cosa si sa al riguardo?

L’arrivo di Omicron, variante identificata per la prima volta in Botswana e Sud Africa, ha messo a dura prova l’ansia e la pazienza dei cittadini. Molte nazioni, infatti, hanno deciso di chiudere le frontiere e tentare di salvare il Natale con l’aumento dei controlli e le continue vaccinazioni. Attualmente, di questa variante si sa poco o nulla ma è bene non allarmarsi inutilmente senza dati precisi che possano spiegare la situazione.

Infatti, non è detto che l’arrivo di Omicron possa essere una cattiva notizia poiché “se si rivelasse una variante super contagiosa ma che provoca sintomi lievi, allora potrebbe essere anche una buona notizia, giusto in tempo per Natale”, scrive Rachel Gutman su The Atlantic.

Continuano gli obblighi in Campania

Proprio per i pochi dati su questa variante, in Campania non si retrocede di un passo. Attualmente vige ancora l’obbligo delle mascherine all’aperto, soprattutto in casi di assembramenti. I controlli saranno rafforzati ancor di più con l’arrivo delle feste natalizie. L’avvertimento di De Luca è chiaro: non è tempo di scherzare.

La nota dell’Unità di Crisi, infatti, ricorda che vige ancora l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto e in tutte le zone in cui si determina un’affluenza di persone che non possa garantire il distanziamento sociale.