Dakota Fanning si dichiara “felicemente non single” a Vogue Australia

0
dakota-fanning
Dakota Fanning. Fonte wikimedia commons

Dakota Fanning è una delle “bambine prodigio” di Hollywood che, con il passare degli anni, è riuscita a costruirsi una carriera rispettabile.

La Fanning infatti ha iniziato a recitare attorno ai 7 anni, ottenendo un grandissimo successo a 8 anni per il suo ruolo in “Mi chiamo Sam”.

Quel ruolo le valse nel 2002 una nomination allo Screen Actors Guild Award come “miglior attrice non protagonista”, diventando la più giovane candidata nella storia.

La carriera di Dakota Fanning non si è mai fermata.

La ragazza ha preso parte a numerosi film, alcuni sono stati dei successi mentre altri hanno ottenuto un’accoglienza molto tiepida.

Nonostante la fama improvvisa e l’attenzione mediatica, Dakota non è mai caduta nelle tentazioni di Hollywood.

La Fanning ha infatti continuato ad andare a scuola come le sue coetanee, invece di studiare a casa, come fanno molti giovani attori prodigio e frequenta l’Università di New York.

Tutto ciò le ha permesso di mantenere i piedi per terra e avere un’infanzia relativamente normale.

Sarà forse questo il segreto della carriera di Dakota Fanning?

Cosa abbia permesso alla giovane attrice di raggiungere il successo senza perdersi a Hollywood l’ha svelato la stessa Dakota alla rivista Vogue Australia.

Ecco le dichiarazioni più importanti di Dakota Fanning alla rivista

Sulle relazioni sentimentali: “Sono “felicemente non single” ma non sono in una relazione con qualcuno di famoso. Ho sempre frequentato persone non proprio dell’ambiente. Quando due persone famose si mettono insieme diventa troppo intenso.
Sulle difficoltà di essere stata un’attrice bambina e il non cadere nelle “trappole” di Hollywood: “Non so proprio come rispondere a questo. Forse non mi è successo perché non ho mai sentito che qualcosa mi fosse dovuta perché ero un’attrice. Penso sia una cosa che ho preso da mia madre. Le ci sono voluti anni prima di ammettere che vivevamo a Los Angeles. Semplicemente non ho mai voluto fare errori troppo grandi che avrebbero potuto mettere a rischio quello che amo fare. Ci possono essere molte ragioni per la fine di una carriera, niente è mai certo. Ma non volevo che mi fosse “portata via” per una mia decisione davvero sbagliata. E sono anche molto spaventata da mia madre e non ho mai voluto mettermi in grandi guai o deludere qualcuno.”
Sull’interpretare personaggi duri e rimanere sana: “C’è un confine. Forse è perché ho iniziato quando ero piccola ma mi sono sempre detta che era tutto solo una finzione. Tipo: “Oh, farò finta che sia così”. E con il passare degli anni questo confine mi è sempre stato chiaro. Ancora oggi mi dico: “Oh ho fatto finta che mi sia successo questo”. Inoltre è anche importante ricordarsi che l’aver interpretato qualcosa non ti rende in grado di sapere cosa si provi veramente.

Dakota Fanning è tra i protagonisti della serie “The Alienist”, in onda su TNT.

La serie sta ricevendo recensioni positive negli Stati Uniti.