Giuseppe Conte: “Erogheremo derrate alimentari e buoni spesa a chi è in difficoltà”

0
Giuseppe Conte, Foto Wikipedia
Giuseppe Conte, Foto Wikipedia

Alle ore 19:35 il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte è intervenuto in una conferenza stampa straordinaria andata in onda sulla sua pagina Facebook e a reti unificate sui principali telegiornali. La conferenza era stata annunciata per le ore 19:20 intorno alle ore 18:45 proprio sulla sua pagina Facebook.

Il Premier ha deciso di varare dei provvedimenti economici per aiutare le persone più in difficoltà e con la collaborazione delle amministrazioni comunali tramite l’ultimo DPCM girerà ai sindaci 4.3 miliardi di euro più un aggiunta di 400 milioni di euro per aiutare le persone tramite buoni spesa e erogazione di derrate alimentari.

Ecco il suo discorso integrale:

“Oggi registriamo diecimila vittime, è un numero che ci colpisce particolarmente, si allarga la ferità della nostra comunità. Una ferita che non potremo mai dimenticare. Rivolgo un pensiero per i familiari delle vittime. C’è un altro dato che ci incoraggia: oggi segnaliamo 1434 guariti, quindi ci confronteremo a inizio settimana con gli scienziati e il comitato e confidiamo che ci portino delle buone notizie. Noi ci manteniamo sempre vigili e attenti per adeguare le nostre valutazioni sulla base delle loro considerazioni.

Oggi vogliamo dare il segno della presenza dello Stato. Voglio dire ai cittadini in difficoltà che siamo consapevoli che in questo momento ci sono molte persone che soffrono perché non tutti eravamo abituati a stare in casa e a limitare gli spostamenti. Le sofferenze non sono solo psicologiche ma anche materiali di tutte quelle persone che hanno difficoltà per gli approvvigionamenti.

Abbiamo lavorato per preparare con i sindaci che sono le nostre sentinelle per le necessità dei cittadini. Abbiamo appena firmato un DPCM per girare ai sindaci di 4.3 miliardi, un anticipo del 63% che giriamo ai comuni rispetto alla scadenza di maggio, ma al di là di questo per molti cittadini che sono in grandi difficoltà. Con un’ordinanza della protezione civile aggiungiamo 400 milioni che rappresentano un ulteriore anticipo ai comuni con il vincolo di utilizzare questi soldi per aiutare le persone che non possono fare la spesa. Da questi 400 milioni nasceranno dei buoni spesa e possibilità di erogare generi alimentari di prima necessità. Confidiamo che già dall’inizio della settimana prossima i sindaci siano nella condizione di erogare concretamente questi buoni spesa o anche di consegnare derrate alimentari alle persone bisognose. Non vogliamo lasciare nessuno solo e abbandonato a sé stesso in un momento in cui la comunità è così sofferente. Siamo tutti sulla stessa barca, dobbiamo aiutare chi è in maggiore difficoltà.

È la ragione per cui abbiamo previsto misure rafforzate per favorire le donazioni da parte di produttori, distributori. Non vogliamo tassare la solidarietà. Faccio un appello alla grande distribuzione affinché si possa aggiungere un 5 o 10% di sconto a chi voglia acquistare con questi buoni sconti.

Un’ultima notizia è che stiamo lavorando intensamente con gli uffici dell’INPS perché abbiamo varato alcune misure come quelle del Decreto Cura Italia ed è importante che qui 25 miliardi arrivino subito nelle tasche degli imprenditori e dei cittadini. Stiamo facendo di tutto perché i tempi ordinari della burocrazia a cui siamo abituati siano non solo dimezzati ma addirittura azzerati. Su questo io stesso sono intransigente. Devo dire che gli uffici stanno lavorando alacremente per mettere in condizione tutti coloro che hanno diritto alla cassa integrazione ordinaria o in deroga di beneficiarne del minor tempo possibile, almeno entro il 15 aprile, se possibile anche prima. Vale anche per i vari bonus di indennizzi da 600 €.”