Gran Bal Trad 2019 a Vialfrè: artisti, giorni, orari della 19esima edizione

0
Vialfre edizione 2018

IL FESTIVAL
Cos’è il Gran Bal Trad

Il Gran Bal Trad è un festival dedicato alla danza e alla musica tradizionale, nato dal desiderio di mettere in contatto differenti modi di esprimere la danza e la musica. Si propone di offrire ai partecipanti un quadro variegato di alcuni esempi delle varie culture presenti in Europa, non dimenticando di proporre uno spaccato di tradizionale tipico della nostra Italia. Da quest’anno il Festival è patrocinato dalla Regione Piemonte. Il festival, con l’aiuto ed il supporto costante del Comune di Vialfrè e della locale Proloco, è curato
ed organizzato dall’Associazione Culturale GBT con la collaborazione di cinque associazioni
culturali che, accomunate dalla passione per la musica ed il ballo, si sono rese disponibili a prestare la loro opera su base volontaria. Le giornate del Gran Bal Trad si articolano in atelier di danza e di strumento al mattino e al pomeriggio, e proseguono fino all’alba con le
serate di ballo e concerti su 5 grandi palchi. Sono presenti più di 250 tra insegnanti ed artisti, provenienti da tutta Europa, impegnati ad ogni ora del giorno e della notte in atelier di danza e di strumento, concerti serali e conferenze. L’organizzazione logistica è garantita da più di 150 volontari sempre cordiali e disponibili per assicurare tutti i servizi, dalla accoglienza alla mensa, al bar, alla pulizia ed alla sicurezza. Sono sei giorni durante i quali migliaia di persone (12.000 nel 2018) diventano spettatrici e protagoniste di una full immersion nella danza e nella musica della tradizione popolare. Quest’anno il Festival si terrà dal 25 al 30 Giugno.

EDIZIONE 2019
Le novità della 19a edizione

Una sala del VialfreIl Gran Bal Trad arriva quest’anno alla 19a edizione che sarà più ricca e rinnovata nella proposta artistica. Innanzi tutto, per far fronte alle tante richieste pervenuteci a tal proposito, il Festival quest’anno durerà un giorno in più. Si inizierà a ballare già il martedì sera, il 25 di giugno, per andare avanti fino a domenica 30. Saranno presenti nelle 6 giornate di Festival più di 250 artisti in rappresentanza di 55 gruppi musicali, di cui ben 28 sono le novità. Nella nuova line up è inoltre aumentata la rappresentanza straniera con gruppi dalla Lettonia, dal Poitou, e dalla Catalonia. Il GBT è sempre più internazionale!
Ci saranno 78 atelier di danza e canto e verrà dato più spazio alle conferenze e all’approfondimento culturale sui temi della danza e della musica tradizionale con ben 6 conferenze e la presentazione in anteprima assoluta di un film-documentario
(ulteriori dettagli in seguito). Anche le dotazioni impiantistiche dell’area, grazie al comune di Vialfrè, sono state implementate con il nuovo impianto di depurazione e l’area di servizio
per i camper. Le iscrizioni al Festival sono aperte a partire dal 15/03/2019. È possibile iscriversi con sconti fino al 30% direttamente dal sito o presso le Associazioni
di riferimento fino al 10 di giugno. Rimane comunque la possibilità di partecipare al
Festival iscrivendosi direttamente a Vialfrè.

GLI ARTISTI
Tutti gli artisti presenti al Gran Bal Trad 2019

Il Festival ha assunto una dimensione internazionale richiamando artisti provenienti da Francia, Inghilterra, Irlanda, Grecia, Spagna, Svezia, Lettonia, oltre che da molte regioni d’Italia.

Line Up all’edizione 2019
Artisti che si sono esibiti al Vialfre 2018• Alzamantes – Bal Folk
• Associazione Baldanza – Danze dal
mondo
• Associazione Carolando – Danze per
bimbi
• Ballade Ballade Bois – Sardegna
• Balkanlab – Balcani & Israele
• Banda Brisca – Bal folk
• Bellaveu – Catalunya
• Bilaka – Paesi Baschi
• Capezzuoli & Compagnia – Quebec, Bal
folk
• Chacho Marchelli – Canto attorno al
tavolo: Piemonte
• Chemin de Baìa – Bal Folk
• Che Tango trio – Tango
• Christos Tsompanidis – Grecia
• Ciac Boum – Poitou
• Big Cogar Ceílí Band – Irlanda
• D’AltroCanto Duo – Bal Folk cantato
• Dandari – Lettonia
• Davide Ancora e Marisa Angotti – Sud
Italia: Marchesato crotonese

• Deborah Isocrono – Pillole di danza
• Dipende di Te – Sud Italia: Calabria
• Duo Evain Le Tron – Bal Folk
• Duo Hervé – Berry, Bal Folk
• Duo Peron Ferrero – Nord Italia: Valli
occitane
• Emeline Rivière – Berry
• Eschatià – Musica di tradizione e diversità
• Flora Sarzotti – Contraddanze inglesi
• Fratelli Bressi – Sud Italia: Marchesato
crotonese
• Gli Scoordinati – Danze tradizionali e
disabilità
• Hellason – Grecia
• I suonatori della Valle del Savena – Nord
Italia: Emilia
• Jacopo e Maddalena Soler – Canto
(Repertorio Italia)
• Landat-Moisson Quintet – Bretagna
• Le Matrioske – Sud Italia: Sicilia
• Lu Trainanà – Centro Italia: Marche
• Katia Zunino – Arpa celtica
• Le Fou Rire – Bal folk
• Luca Mantello – Didjeridoo
• Marcela Guevara y Stefano Giudice –

Tango e Milonga
• Marco Volpatto – Organetto principianti
• Marisa Dogliotti e Silvio Peron – Nord
Italia: Val Vermenagna
• Massimo Enrico – Musica d’insieme
• Maurizio Verna – Conferenza
Folkitarrando
• Naragonia – Bal Folk
• Nhac – Guascogna
• Nous Mêmes – Contraddanze inglesi,
Bal folk
• Pat Murphy – Irlanda sets
• Quaus de Lanla – Auvergne
• Quinta Rua – Bal folk
• Roberto Bagnoli – Balcani e Israele
• Rosy Traverso – Nord Italia: Quattro
province
• Soleluna – Bal Folk
• Statale 45 – Nord Italia: Quattro Province
• The Young Klintetten – Svezia
• Terra Battuta – Sud Italia: Salento
• Tre violini e un maggiordomo – Nord
Italia: Valli occitane
• Ugo Maiorano e “Tammorra Felix” – Sud
Italia: Agro Nocerino Sarnese

IL LUOGO
Esibizione di artisti al VialfreArea naturalistica Pienezze di Valfrè (TO). Il festival è ospitato all`interno dell`area naturalistica Pianezze di Vialfré sulla sommità di una delle colline dell`Anfiteatro Morenico di Ivrea, a circa 470 m s.l.m. L`Anfiteatro Morenico è una delle aree di maggiore interesse naturalistico presente nel Nord Italia e rappresenta il più significativo anfiteatro glaciale d`Europa.

IL LUOGO
L’area del Festival
Alcuni dati sulle strutture del festival:
• 7 tensostrutture, di cui 1 da 15×25, 3 da 20×25,
1 da 25×30, 1 da 10×20 e 1 da 10×10 metri
• più di 30 pagode per gli atelier di strumento,
area espositiva, area bimbi, area mensa
• servizio di sonorizzazione professionale con
mixer digitali

• ampia struttura per il servizio di custodia
strumenti, sempre sorvegliata
• tre blocchi di servizi igienici e docce
• due aree per campeggio con tende
• area riservata per roulotte e camper (con service)
• ampio parcheggio

 

Tutte le foto sono tratte dal sito ufficiale dell’evento https://www.granbaltrad.it