I modà ritornano con ”E non c’è mai una fine”

0
modà
http://www.optimaitalia.com/blog/2015/11/03/testo-e-non-ce-mai-una-fine-dei-moda-audio-e-video-ufficiale-del-nuovo-singolo/229888

“E non c’è mai una fine” è il nuovo singolo dei Modà pronti a tornare con “Passione maledetta“, il nuovo album in uscita a novembre. Il video è stato girato da Fabrizio De Matteis & Matteo Alberti a New York.

Nel finale della clip viene annunciato un to be continued per dare appuntamento a febbraio 2016. Chi vivrà, vedrà.

Il gruppo capitanato da Francesco Silvestre, per i fan Kekko, ha portato avanti per anni una solida gavetta quando, sul punto di rinunciare al proprio sogno di diventar famosi, sono letteralmente esplosi con i singoli Sono già solo prima, e La Notte poi. Negli ultimi anni i Modà stanno riscuotendo ciò che gli spetta, per la costanza e l’umiltà con cui da sempre gestiscono questo regalo che la vita gli ha fatto. Dopo aver annunciato un Tour che li porterà ad esibirsi allo Stadio San Siro di Milano a giugno 2016, i cinque ragazzi sono pronti per riconquistare le prime posizioni delle classiche italiane e, per la gioia dei fan, invadere le radio italiane che già in queste ore inseriranno in rotazione radiofonica il singolo E non c’è mai una fine.

Il prossimo disco dei Modà, Passione Maledetta, arriva a circa tre anni di distanza da Gioia, fortunato album da cui il gruppo ha estratto celebri singoli come Dove è sempre il sole, Se si potesse non morire, Gioia e Non è mai abbastanza. Il video ufficiale di E non c’è mai una fine inizia con dei violini che suonano mentre viene inquadrato il leader dei Modà mentre attraversa un tunnel, dopodiché iniziano ad  alternarsi immagini del gruppo ed altre in cui Kekko gira per la città incrociando diverse tipologie di coppie, inizialmente in fase di discordia, dopodiché intente a riconciliarsi. Proprio a loro il cantante lascerà un biglietto, ma il proseguimento della storia verrà svelata nel prossimo singolo dei Modà, disponibile a febbraio 2016. La canzone parla dei tanti amori che, spesso sul punto di perdersi, inevitabilmente tornano ad esplodere più forti di prima.