Il Napoli lavora anche in uscita: Tonelli, Younes, Mertens e Callejón ai saluti

0
De Laurentiis, Presidente del Napoli
Fonte foto: Di Gino pilotino - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=65618643

Tutte le voci dopo la presentazione di Gennaro Gattuso come nuovo allenatore del Napoli si sono concentrate sul mercato in entrata: il sogno Zlatan Ibrahimovic ha ovviamente rubato la scena visto che l’ingaggio del talento svedese farebbe impazzire tutti i tifosi napoletani. Un po’ più credibile e, probabilmente, fattibile è l’acquisto di Frank Kessié, uno dei pupilli di Gattuso al Milan che tanto gli servirebbe per quadrare il cerchio dei tre di centrocampo nel suo 4-3-3. Ma, come sarà inevitabile, a gennaio ci sarà anche un importante mercato in uscita per tagliare gli esuberi o eventuali calciatori che non rientrano nel progetto Napoli firmato Gennaro Gattuso.

GLI ESUBERI CHE ANDRANNO VIA – I problemi muscolari hanno falcidiato la stagione a Lorenzo Tonelli. Un primo infortunio alla caviglia già a Dimaro, poi ricaduta ad agosto e a ottobre il rientro ma solo panchine; a fine novembre nuovo infortunio ancora senza data di rientro. Risultato: l’ex Empoli non è stato neanche messo in lista Champions e non ha ancora visto il campo in questa stagione. Bisognerà valutare le sue condizioni e capire se qualche club sarà interessato a rilevarlo. Un altro sulla lista dei partenti è Amin Younes. Il tedesco ha giocato davvero poco (unica presenza da titolare contro il Verona e appena 5 minuti da subentrato in Champions e probabilmente cercherà spazio in un altro club.

MERTENS E CALLEJÓN VIA A GENNAIO O A GIUGNO? – Negli ultimi giorni ha tenuto banco la vicenda allenatore e in società non si è potuto lavorare nuovamente con gli agenti di José María Callejón e Dries Mertens che, arrivati a questo punto con il contratto in scadenza a giugno 2020, sono ormai partenti certi. Ci sarà solo da capire se andranno via entrambi già a gennaio o se attenderanno giugno. Si vocifera che Callejón abbia già un accordo verbale con il Dalian, il club cinese allenato da Benítez in cui milita anche Hamsik; lo spagnolo è il maggior indiziato a lasciare il club già all’inizio del 2020. Il belga invece, potrebbe restare fino a giugno, a meno che De Laurentiis non decida di monetizzare il minino possibile vendendolo già a gennaio ed evitando quindi di perdere entrambi i titolarissimi della seconda parte dell’ultimo decennio a parametro zero.