Ottavio Bianchi: “Il Napoli ha fatto un affarone a cedere Higuaín”

0

La trattativa più remunerativa della storia del calcio italiano ovvero il trasferimento di Gonzalo Higuaín dal Napoli alla Juventus per 90 milioni di euro (cioè il valore dell’intera sua clausola rescissoria) farà parlare fino all’inizio del campionato e oltre. Tutti suoi vari social network stanno esprimendo la propria opinione: dalla gioia dei tifosi juventini desiderosi di vedere il nuovo campione con la maglia bianconera; all’ira dei tifosi napoletani che gridano al tradimento del loro idolo che fino a qualche mese fa saltava sotto la curva A intonando “Un giorno all’improvviso”. Tra tutte queste polemiche si è espresso anche Ottavio Bianchi, ex allenatore del Napoli vincitore dello scudetto. L’ex tecnico è stato intervistato dal quotidiano partenopeo Il Mattino e ha dichiarato che i tifosi napoletani non possono essere nostalgici e non si devono attaccare ai giocatori in quanto nel calcio moderno non esistono più le bandiere bensì solo la potenza economica. “Quello degli ultimi anni è solo business. Un mondo nel quale non mi riconosco ma io non faccio testo, appartengo a un’altra generazione. Non esistono le bandiere, non c’è più l’amore per la maglia, di quale tradimento parliamo? Non mi piace questo modo di ragionare tutto napoletano.” Poi Bianchi ha detto la sua riguardo l’affare Higuaín in merito alla questione di quale delle due squadre ne guadagna: “Entrambe. La Juve ha fatto un affare a prenderlo e il Napoli un affarone a cederlo. I tifosi del Napoli non possono essere dispiaciuti di aver incassato quasi 100 milioni.”