ESCLUSIVA- Sasha Donatelli:” Il mio sogno nel cassetto è realizzarmi nel mondo televisivo e come attore oltre ad aprire uno street food di prodotti tipici abruzzesi”

0
Sasha Donatelli
Sasha Donatelli

In esclusiva per Dailynews24 il modello e attore Sasha Donatelli.

Ci racconti chi è Sasha Donatelli
Sasha Donatelli è un ragazzo di 25 anni che ha visto infrangere il suo sogno di diventare un calciatore professionista.
Ho esordito in serie C con il Chieti e con la Provasto ed ero considerato una promessa del calcio giovanile italiano.
A causa di alcuni problemi fisici, quali la pubalgia cronica, ho dovuto smettere e abbandonare il mio più grande sogno.

Dal quel momento in poi, la mia vita è cambiata e sono entrato in un loop negativo, nero e buio, che mi ha portato a stare male, ad essere depresso.
Però nonostante ciò sono riuscito a riprendermi, ho cercato nuovi stimoli e ho iniziato a trovare nuovi interessi per cercare di riempire il vuoto lasciato dal calcio.
Mi sono trasferito dall’Abruzzo a Roma, per quasi due anni con pochi soldi in tasca e in cerca di un alloggio.
Nello stesso periodo del mio trasferimento, io e la mia famiglia abbiamo vissuto un dramma. Safiria la mia sorellina più piccola, di circa un anno e mezzo, era diventata autistica.
In quel momento c’è crollato il mondo addosso e con il mio trasferimento a Roma ho cercato, non di fuggire, ma di dare meno problemi alla mia famiglia.

In seguito,  sono stato preso da un’accademia di recitazione, dove precedentemente avevo svolto dei provini, che aveva come direttrice artistica Giorgia Trasselli.
Giorgia Trasselli è attualmente una grandissima attrice di teatro, oltre ad essere la protagonista della pubblicità di un noto marchio di biscotti, dove lei recita la parte della tata dai capelli rossi.

Sono sempre stato un sognatore e continuo ad esserlo, però non sono ancora in pace con me stesso.
Nell’accademia a Roma ho vissuto due anni molto intensi, che mi hanno formato e che mi hanno fatto capire quando è duro il lavoro di attore.
In primis si deve lavorare su se stessi, bisogna avere la forza e la possibilità di non avere limiti mentali e interiori.
Bisogna vivere una vita priva di cliché e blocchi, puoi contare solo su te stesso e devi lottare  per alzare l’asticella e vivere la vita con un coefficiente di difficoltà sempre più alto.

Roma mi ha dato tanto e nonostante non avessi molti soldi, mi ha permesso per 5 anni di vivere, di lavorare.
Questi sono stati degli anni duri, difficoltosi e dopo cinque anni, quattro anni di accademia, ho deciso di lasciarla.
Grazie all’accademia ho avuto la possibilità di partecipare a due film, il primo è quello di Cristina Comencini intitolato “Qualcosa di nuovo” con Paola Cortellesi e Micaela Ramazzonti.
In questa mia prima esperienza cinematografica ho interpretato il ruolo di Carlo.
Il film è stato prodotto in collaborazione con Rai Cinema ed è andato in onda su Rai Uno pochi giorni fa.
Dopo questa esperienza ne ho fatte altre, ma poi mi sono trasferito a Milano per sopravvivere.
A Milano ho ripreso la carriera di modello, che avevo precedentemente ricoperto per circa un anno a Chicago per Abercrombie & Fitch.
Milano mi ha aperto delle porte offrendomi nuove possibilità, infatti da circa due anni sono l’indossatore ufficiale di Brunello Cucinelli e lavoro nei suoi vari showroom a Milano.
Ho partecipato nella fiction “E’ arrivata la Felicità 2“, dove interpretavo Pietro e questo mese uscirà la pubblicità di “Hot Wheels”in Cina,Giappone e l’America.

La mia vita continua ad esser difficile, purtroppo il mondo della monda è un mondo complesso e poco trasparente.
Per questo motivo, parallelamente al mio lavoro di modello, sto pensando di aprire un’attività legata al mondo del food abruzzese.
Spero di trovare delle persone che sposino questo mio progetto e mi aiutino a realizzarlo finanziandolo.

Nel frattempo, continuerò a lavorare nel mondo del cinema, della televisione e della moda.

Oltre ad essere un attore sei anche un modello. Quanto l’essere attore ti aiuta ad essere un modello migliore?
L’essere attore ti aiuta molto nel mondo della moda, perchè ti permette di avere una mentalità poliedrica, vuol dire saper interpretare varie personalità, saper vivere più emozioni e ti rende più dinamico, più eclettico.
Tutto ciò mi aiuta moltissimo negli shooting, mi permette di essere sempre diverso, di non essere piatto.
Oggi sento il bisogno di cambiare aria, forse di tornare negli Stati Uniti che sento più vicini alla mia persona.
Ho bisogno di nuovi stimoli ma non mi abbatto perché sono sempre positivo e risorgo dalle mie ceneri.
Purtroppo nel mondo della moda si trovano troppe persone pronte a tutte pur di lavorare e questo sta rovinando questo mondo.
Prima fare il modello e attore era una cosa più unica che rara, oggi chiunque può farlo anche da casa e questa cosa è vergognosa.

Ci racconti una tua giornata tipo
La mia giornata tipo inizia con la sveglia verso le 10, dopodiché faccio una colazione abbondante con uova perchè sono intollerante al glutine e al latte.
Mi alleno o dalle 11 o alle 12, o nel primo pomeriggio, per due ore.
Amo cucinare, mi piace inventare anche con pochi ingredienti qualcosa di nuovo.
La mia giornata si incentrata sul business, sui contatti con aziende e su nuove opportunità di lavoro ma amo molto cucinare, per questo mi ritaglio sempre un pò di tempo per fare la spesa e per dedicarmi a questa mia passione.

Che rapporto ha con i social network?
Purtroppo prima ero molto più distaccato dai social network, mentre ora sono diventati la mia vita, perchè mi permettono di farmi conoscere e di pubblicizzarmi.
Da poco ho anche intrapreso il percorso di influencer ed ho la fortuna di avere un’agenzia che mi promuove, che mi segue e che mi permette di crescere gradualmente con followers reali, che mi seguono, che si interessano a me e alla mia vita.
E’ fondamentale oggi essere social ma allo stesso tempo bisogna saperlo usare con parsimonia, perchè spesso non si riesce più a interloquire e a guardare negli occhi le persone, perchè si è troppo presi dal mondo virtuale.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?
Il mio sogno nel cassetto è realizzarmi nel mondo della televisione e in quello cinematografico, ma contemporaneamente voglio aprire la mia attività di street food legato ai prodotti tipici abruzzesi.
Questi sono i miei sogni ma ben presto sono sicuro che diventeranno realtà.

 

 

Gallery Sasha Donatelli