America Ferrera ricorda la sua vittoria agli Emmy Awards

0
America Ferrera, interprete di Betty Suarez nella serie "Ugly Betty". (Immagine di TondaMente Curvy Blog)

America Ferrera vinse un premio Emmy come Miglior attrice protagonista in una serie commedia o musical nel 2007 per il suo ruolo in Ugly Betty.

La serie, remake statunitense della telenovela colombiana Betty la fea, lanciò la carriera di America Ferrera. Il telefilm fu creato da Fernando Gaitan da un’idea di Silvio Horta.

Ugly Betty fu infatti un successo e andò in onda per quattro stagioni. Il cast era composto da Becki Newton, Eric Mabius, Vanessa L. Williams, Michael Urie, Ana Ortiz, Mark Indelicato e Rebecca Romijn.

Il 2007 in particolare fu l’anno della ribalta per l’attrice; vinse non solo il Premio Emmy ma anche il Golden Globe e lo Screen Actors Guild Award.

Tuttavia la Ferrera non se lo ricorda come il momento più eccitante della sua carriera.

Nonostante fosse la prima donna latinoamericana a vincere in quella categoria sentiva di non meritarselo.

Ecco cosa ha rivelato America Ferrera nel podcast Armchair Expert a proposito dell’esperienza:

“Non posso nemmeno riguardare il momento della mia vittoria agli Emmy perché l’unica cosa che mi ricordo di quel momento sul palco è che mi sentivo come se nessuno in quella stanza pensasse che me lo meritassi. è un peccato. Mi dicevo: “Non lo merito veramente, cosa sto facendo in questo ruolo? Non è abbastanza interessante, non è abbastanza dark.” Tutte queste cose mi frullavano in testa. Non erano frutto della mia immaginazione, c’erano delle persone nella mia vita che contribuivano a creare questa narrativa e che mi facevano sentire come se non me lo fossi guadagnato. Quando mi guardo indietro mi sento male a pensare a quella ragazza di 22 anni che non è riuscita a godersi quei momenti speciali.”

Attualmente America Ferrera è tra i protagonisti della serie Superstore, in onda dal 2015 sul canale statunitense NBC. La sitcom è stata rinnovata a febbraio 2020 per una sesta stagione che andrà in onda prossimamente.