Game of Thrones 8, la nuova teoria su Azor Ahai: che sia in realtà Arya Stark?

0
Arya Stark, Game of Thrones, fonte: screenshot di youtube

Nel corso delle varie stagioni di Game of Thrones, sono state tante le teorie dei fan riguardo l’identità di Azor Ahai o il Principe che venne promesso, colui che  avrebbe fermato la Lunga Notte e salvato l’umanità. Sono stati molti i possibili personaggi che avrebbero potuto rivestire questo ruolo. All’inizio Jon Snow, poi Daenerys e, ad un certo punto, si era ipotizzato sul Mastino. Nell’elenco erano stati aggiunti anche Jamie Lannister e Sam Tarly.

Dopo la messa in onda della 8×03, The Long Night, tutte le teorie sono state stravolte, portando i fan ad ipotizzare che Arya Stark sia Azor Ahai.

 

Negli antichi libri di Asshai sta scritto che verrà il giorno, dopo la lunga estate, in cui le stelle sanguineranno e il respiro gelido delle tenebre scenderà e incomberà sul mondo. In questa ora terribile, un guerriero estrarrà dal fuoco una spada fiammeggiante. Quella spada sarà la Portatrice di Luce, la Spada Rossa degli Eroi, e colui il quale la impugnerà sarà Azor Ahai reincarnato. E di fronte a lei le tenebre fuggiranno.

Un uomo o una donna la cui (ri)nascita ha precise caratteristiche: Quando la rossa stella sanguinerà e le tenebre s’addenseranno, Azor Ahai rinascerà tra il fumo e il sale per risvegliare i draghi dalla pietra.

Perché Arya è Azor Ahai

La teoria incentrata su Arya non è del tutto nuova.
L’utente di Reddit Orcrist, qualche tempo fa aveva sostenuto in una sua teoria che il viaggio Braavos intrapreso da Arya e il successivo addestramento nella Casa del Bianco e del Nero potessero essere intesi come una sorta di rinascita “tra il fumo e il sale”. Trova anche delle analogie tra gli eventi personali di Arya e quelli di Azor Ahai/il Principe che venne promesso:la morte del padre, degli amici e del cane (il Mastino, apparentemente in fin di vita nella 4×10, I figli della foresta), il risveglio dei draghi dalla pietra (la possibile uccisione di Lady Stoneheart) e altri presunti indizi più o meno consistenti.

Le circostanze, però, hanno smentito molte di queste teorie, ma ne hanno fornito altre ai fan.
Queste nuove ipotesi sostengono che Arya sia Azor Ahai perché nella sua storia è presente un evidente disegno del Signore della Luce.

Durante il suo cammino, la Stark incontra Melisandre,una Sacerdotessa Rossa di R’hllor e Beric Dondarrion un suo fedele seguace, in dei momenti cruciali.
La prima volta che Arya incontra la sacerdotessa è con la Fratellanza Senza Vessilli che dopo averle strappato via Gendry, pronuncia una profezia che le lega: “Vedo dell’oscurità in te e in quella oscurità ci sono degli occhi che mi fissano. Occhi scuri, occhi azzurri, occhi verdi. Occhi che tu farai chiudere per sempre. Ci incontreremo ancora.”

Le due si rincontreranno a Grande Inverno, prima della battaglia contro gli Estranei. Una volta entrata nel castello, Melisandre scambia un lungo, significativo sguardo con la Stark. Più avanti, le due si rivedono quando la ragazzina ha ormai perso le speranze. Anche in quell’occasione, la sacerdotessa ricorda ad Arya la profezia: “Occhi scuri, occhi verdi… occhi azzurri.”

Melisandre continua poi: “Cosa diciamo noi al Dio della Morte?”. Frase già detta da Syrio Forel, insegnante d’armi di Arya e spadaccino di Braavos. Probabilmente è lui che ha creato il collegamento tra Arya e gli Assassini Senza Volto.
La risposta della ragazza è la stessa data al maestro: “Non oggi”. La pronuncia quando le Cappe Dorate giungono ad arrestarla. La fuga da Approdo del Re dà inizio al viaggio che l’ha portata poi a uccidere il Night King.

La ragazzina non sarebbe riuscita a raggiungere il suo obiettivo senza il sacrificio di Beric Dondarrion che l’ha salvata e fatta poi incontrare con Melisandre. La donna, infatti, le dice: “Il Signore della Luce lo aveva riportato in vita per uno scopo. Ora quello scopo è stato raggiunto.”

Infine, Melisandre chiarisce che il Principe può essere, in realtà, una Principessa poiché in Alto Valyriano il termine è neutro. Sebbene la daga che Arya usa per uccidere il Re degli Estranei non è una spada e non è Portatrice di Luce, alcuni elementi portano a pensare che sia molto, molto antica e che probabilmente abbia un valore e un significato nascosti.

Il punto chiave è che Arya uccide il Night King, ponendo fine alla Lunga Notte proprio la profezia su Azor Ahai.

Perché Arya non è Azor Ahai

Molti sostengono che questa teoria sia infondata. La profezia di Azor Ahai non corrisponde alla storia della ragazza.

Come Bustle fa notare, nel passato di Arya non è presente una “rossa stella” che sanguina, né una rinascita tra fumo e sale. La Stark non ha riportato in vita nessun drago dalla pietra e l’arma con cui ha eliminato il Night King, non è la spada portatrice di Luce.
In più, la ragazza non ha assolto alla Profezia del Fantasma di Cuore Alto, che aveva presagito che Azor Ahai sarebbe nato da Aerys II e Rhaella Targaryen.

La storia della giovane lupa, per Bustle, è conforme con la natura di Game of Thrones. Attorno allo show ruota il concetto di scelta e il concetto secondo cui ogni azione conduce ciascuno dove deve essere.
Lo stesso Bran dice a Theon: “Tutto quello che hai fatto ti ha condotto fino a qui. Al posto al quale appartieni. A casa”

In un quadro più ampio, Melisandre sarebbe stata indotta dal Signore della Luce a credere nella profezia di Azor Ahai, in modo che lei facesse tutto quello che ha fatto per essere dove doveva essere. Ossia, a Grande Inverno durante la battaglia contro i non-morti, per suggerire al guerriero più forte e letale di tutti cosa fare: eliminare il Night King.

Azor Ahai e la guerra contro Cersei Lannister

Ora, però, l’attenzione è tutta sul prossimo episodio. I fan si chiedono cosa accadrà a Westeros. Il teaser della quarta puntata porta a pensare che Daenerys e i suoi alleati combatteranno contro Cersei e la Capitale. Giungerà, dunque, la guerra per aggiudicarsi il trono.

In questa circostanza, che ruolo ha Azor Ahai?

Le “tenebre che si addensano” nelle varie profezie non facevano riferimento al Night King? Che il significato, in questo caso, possa preannunciare il regno d’oscurità sotto la Lannister? Come molti ritengono, facendo anche riferimento alla profezia di Melisandre, Arya ucciderà Cersei?

Se invece la Stark non fosse Azor Ahai, il o la prescelta si scoprirà in seguito? D’altronde, la profezia potrebbe essersi avverata con l’uccisione del Night King. Così come potrebbe essere una semplice leggenda.