giovedì, Luglio 25, 2024
HomeCronacaGiulia Cecchetin è l'ennesima vittima degli uomini che odiano le donne

Giulia Cecchetin è l’ennesima vittima degli uomini che odiano le donne

È stato ritrovato oggi il corpo di Giulia Cecchetin, la ventiduenne veneta originaria di Vigonovo scomparsa da sabato scorso. La ragazza è stata uccisa dal suo ex ragazzo Filippo Turatti, di cui attualmente non si hanno notizie.

Un video a Fossò mostra Filippo aggredire Giulia

Giulia si era recata a cena con Filippo. Un video della zona di Fossò mostra i due litigare in auto, poi lei avrebbe cercato di scappare ma il ragazzo l’ha rincorsa e colpita fino a farla stramazzare a terra. Poi ha caricato il corpo esanime in macchina.

Giulia Cecchetin è l’ennesima vittima del 2023

Si tratta dell’ottantatreesimo femminicidio avvenuto in Italia da inizio anno, quasi uno ogni quattro giorni. Solo nel mese di ottobre ci sono stati tre omicidi: Concetta Marruocco uccisa dal marito con trentanove coltellate durante una lite la separazione; Annalisa D’Auria uccisa dal compagno, che poi si sarebbe tolto la vita a sua volta ed Etleva Kanolja, strangolata dal marito.
Sono numeri altissimi che non risparmiano nessuna regione.

L’accusa di ActionAid contro il Governo Meloni

ActionAid lancia una forte accusa contro il Governo Meloni per via del taglio fondi che permetteva di contrastare la violenza sulle donne. A tal proposito, la vicesegretaria Katia Scannavini ha dichiarato: “Senza risorse sufficienti e politiche mirate alla prevenzione si continuerà ad intervenire sempre e solo in risposta alle violenze già subite dalle donne”.

I femminicidi sono in crescita dal 2020

Basandoci su dei dati Istat, i femminicidi sono in costante crescita, basti pensare che nel 2020, durante il lockdown causato dalla pandemia Covid19, ci sono stati circa nove omicidi al mese. Dunque, si tratta di una problematica che, nonostante le leggi, gli interventi e l’attenzione mediatica, non accenna a fine.
Che cosa stiamo sbagliando?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME