Le Iene salutano un’ultima volta Nadia Toffa

0
Nadia Toffa con Totò

“Nadia era una collega davvero in gamba, con una forza di volontà pazzesca. Ricordo quando era appena arrivata da noi. Faceva tutti i giorni avanti e indietro tra Cologno e Brescia, stava in redazione fino a tardi, sempre a studiare o a telefonare.[…] Ha fatto parecchio fatica, il suo primo anno, a mandare in onda i suoi servizi. La gavetta alle Iene può essere tosta. Pochi resistono. Lei però è stata determinata. Ci ha creduto. Ci ha messo corpo e anima.”

Queste sono le parole della Iena Paolo Trincia, il quale teneva a ricordare gli esordi di Nadia Toffa durante le nozze funebri avvenute a Brescia, città natale della giornalista.


Era presente insieme alla grande famiglia delle Iene e ognuna di loro ha commemorato Nadia a suo modo.

“Buon viaggio Nadinka…”, ha commentato Matteo Viviani, “Non è un addio ma un arrivederci, piccolina. Sarai sempre con noi. Ciao Nadia”, posta Giulio Golia ancora molto commosso.

Stefano Corti invece opta per un approccio più “gioioso” al tragico evento, proprio come sarebbe piaciuto a Nadia.

“Oggi hai riunito tutti per dirci ciao Nadia. Sorrido nell’immaginarti seduta su una nuvola a prenderci in giro come si faceva in redazione. A proposito, ho preso in prestito il maggiolino che avevi in ufficio, mi piaceva troppo! Te lo ridarò. Ci vediamo Toffa.”

Persino a Nina Palmieri piace immaginare la giornalista che dall’alto di una nuvoletta se la ride per averli riuniti tutti.

“Che ‘scherzo’ che ci hai fatto Toffa… e che magia sentirsi parte di questa famiglia, della tua famiglia. Oggi ti abbiamo visto lì, con il tuo sorriso da folletto, ad urlarci a 1 cm dalla faccia: ‘Vi ho fregato eh! State tutti qua!!!’. Ti immaginiamo così, a ballare scalza sulla sabbia… Buon vento bionda. Con tutto il nostro amore.”

Anche noi scegliamo di ricordarla così, ballando felicemente sulla sabbia.